Sentenza di Trani su Standard & Poor’s, Marco Mori: “la partita non è chiusa, il fatto è confermato” – VIDEO


“La partita non è chiusa ed il fatto storico è stato probabilmente confermato”
– sostiene l’avv. Marco Mori, attuale candidato sindaco della città di Genova per Riscossa Italia e recentemente ospite in un incontro nella città federiciana organizzato dalle Assemblee Popolari delle Categorie Sociali e Produttive di Andria.

“L’assoluzione è stata solo perché “il fatto non costituisce reato”. Attendiamo le motivazioni. Breve video in cui spiego la questione tecnicamente” – riporta Mori nella descrizione di un video da lui diffuso a seguito dell’Inchiesta del Tribunale di Trani su 5 tra analisti e manager di Standard & Poor’s e la stessa società di rating.

La procura aveva chiesto la condanna a due anni per Deven Sharma, all’epoca dei fatti presidente mondiale di S&P; a 3 anni ciascuno per Yann Le Pallec, responsabile per l’Europa, e per gli analisti del debito sovrano Eileen Zhang, Franklin Crawford Gill e Moritz Kraemer.

Per S&P era stata chiesta la condanna alla sanzione di 4,6 milioni. Della battaglia tra S&P e il PM Michele Ruggiero si è detto molto, paragonando la sentenza alla parabola di Davide contro Golia. Ma sono tutti assolti. Golia l’ha fatta franca, almeno per ora.

Il VIDEO diffuso da Mori:

 

Trani, la partita non è chiusa ed il fatto storico è stato probabilmente confermato.

L’assoluzione è stata solo perché “il fatto non costituisce reato”.

Attendiamo le motivazioni. Breve video in cui spiego la questione tecnicamente.

Iscrivetevi a www.riscossaitalia.it

Mettete un like alla mia pagina aiutandomi a raggiungere sempre più persone.

Pubblicato da Avv. Marco Mori su Giovedì 30 marzo 2017