Sindaco leghista arrestato in Puglia, FQ: “sospetti su un concorso ad Andria”. Salvini: “chi sbaglia paga ovunque”

Ulteriori dettagli emergerebbero dal caso dell’arresto del Sindaco di Apricena (Lega) in merito alle indagini ancora in corso dopo l’arresto avvenuto per presunte irregolarità nelle gare per l’aggiudicazione di commesse pubbliche:

Come riporta un articolo diffuso da Il Fatto Quotidiano, infatti, tra le pesanti accuse vi sarebbe anche quella di concussione che coinvolgerebbe un membro dello staff del sindaco leghista, il quale – secondo la ricostruzione de Il Fatto Quotidiano – sarebbe stato convinto “a rinunciare a un posto da collaboratore amministrativo nel Comune di Andria a tempo indeterminato, pur risultando prima in graduatoria, così da favorire il secondo degli idonei, uomo che lavorava per il gruppo consiliare di Forza Italia in Regione Puglia, all’epoca partito di riferimento del primo cittadino. Una questione politica, insomma”, si legge sul sito del giornale diretto da Peter Gomez. Il riferimento è alle indagini della Guardia di Finanza, che ha effettuato gli arresti. Al momento, la Procura di Foggia ha emesso 15 ordinanze cautelari che coinvolgerebbero – oltre al Sindaco di Apricena – anche un altro amministratore pubblico ed un imprenditore. “Da Bolzano a Lampedusa: chi sbaglia paga ovunque”. Con queste parole il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, in visita a Bibbiano, ha risposto ad una domanda sull’arresto del sindaco leghista di Apricena. Video:

Fonte news: 

https://www.ilfattoquotidiano.it/2019/07/23/foggia-il-sindaco-leghista-di-apricena-agli-arresti-domiciliari-peculato-abuso-dufficio-e-concussione-bonifico-ufficio-da-microspie/5343728/