Sopralluogo del Ministero nel quartiere Europa di Andria: “strade dissestate e mancanza di segnaletica” – video

A distanza di un anno dalla proposta dell’associazione politico-culturale Forza Andria, che aveva presentato all’amministrazione comunale della città di Andria un progetto per migliorare la viabilità nel “Quartiere Europa” (167) zona della città, nulla sembra si sia smosso. Tuttavia, proprio a causa di questa mancanza di interventi, l’associazione non si è data per vinta e ha contattato il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti che a breve manderà in città alcuni geometri per effettuare un sopralluogo e constatare di persona l’attuale situazione nel popoloso quartiere della città di Andria. 

“Il quartiere “Europa” è uno dei quartieri più popolosi della nostra città e più di altri soffre di alcune criticità legate alla vivibilità e viabilità urbana: non rispetto delle più semplici regole di circolazione stradale, eccesso di velocità veicolare, parcheggi selvaggi, strade dissestate, inquinamento ambientale e tanto altro. La proposta progettuale” – commentava così il Presidente dell’Associazione l’ing. Salvatore Figliolia un anno fa – “consiste nell’adottare in corrispondenza di alcuni punti critici, quali ad esempio le intersezioni stradali o in corrispondenza delle scuole e degli uffici, dei semplici ed economici accorgimenti per rallentare la velocità veicolare ed aumentare la sicurezza pedonale oltre che per un miglioramento globale dell’attuale rete viaria”.

In particolare, l’associazione propone la realizzazione di: rallentatori ad effetto acustico, con lo scopo di attirare l’attenzione del conducente facendo rallentare il veicolo in prossimità di possibili punti di pericolo per chi viaggia all’interno del mezzo o per gli altri utenti della strada. Attraversamenti pedonali, con varie soluzioni alternative per ottenere una migliore evidenza della zebratura ad esempio adottando una colorazione del manto stradale. Cordoli di delimitazione corsie, realizzando in questo modo delle isole di canalizzazione opportunamente delimitate e non transitabili destinate ad incalanare le correnti di traffico.

Così facendo in corrispondenza di particolari incroci si eviterebbe di lasciare libertà di scelta delle traiettorie agli utenti andando a ridurre i punti di conflitto con pregiudizio per la sicurezza ed il funzionamento della intersezione stessa. Nuovo conglomerato bituminoso con integrazione della segnaletica orizzontale e verticale, in particolare su alcune strade del quartiere Europa che attualmente risultano essere ammalorate e con presenza di buche.

Gli interventi riguarderebbero le seguenti arterie stradali: Via Barletta – Viale Ovidio – Viale Orazio, Corso Germania, Corso Europa Unita, Corso Italia, Via Ospedaletto, Via Mattia Preti, Via Aldo Moro, Via Rosalba Carriera, Viale Virgilio, Via P. della Francesca, Via Andrea Appiani, Via Ceruti. Nonostante ciò, ancora nulla è stato fatto e questo ha spinto l’associazione a bussare le porte ai “piani alti” dello Stato. Come andrà a finire? Noi speriamo che, in ogni caso, le strade possano tornare a splendere e che le proposte indicate dall’associazione andriese possano finalmente essere prese in considerazione. Il nuovo video diffuso da Forza Andria: