Sorpreso dalla Polizia a smontare pezzi di un’auto rubata, viene arrestato pluripregiudicato andriese

Venerdì agenti 3 febbraio, agenti del Commissariato di P.S. di Andria, in esecuzione ad un’ordinanza di aggravamento della misura cautelare con la custodia in carcere emessa dal GIP presso il Tribunale di Trani dr.ssa Schiralli, su richiesta della locale Procura della Repubblica, hanno notificato in carcere il provvedimento di aggravamento nei confronti del pluripregiudicato andriese L.F.classe 1981.

Questi, con provvedimento del G.P. datato 24/08/2016, vedeva sostituita la misura cautelare della custodia in carcere, (dove si trovava per rapina pluri aggravata commessa in concorso con altro pluri pregiudicato andriese D.E.P.) con quella degli arresti domiciliari da eseguirsi presso idonea Comunità Terapeutica per tossicodipendenti. In data 30/01/2017 personale dipendente lo arrestava nella flagranza del reato di riciclaggio di autovetture rubate. Veniva sorpreso nell’atto di commettere il reato con V.R. classe 1984 anch’egli pregiudicato.

L.F. veniva trovato in possesso di un telefono cellulare, non suo, funzionante ed veniva bloccato mentre era intento a smontare pezzi di un’auto rubata. Il tutto mentre si trovava ad Andria,sempre sottoposto agli arresti domiciliari, autorizzato temporaneamente a spostarsi dalla comunità terapeutica(dal 18 al 25 gennaio 2017) per accudire due minori, in quanto un prossimo congiunto doveva sottoporsi ad un intervento chirurgico fuori sede. Su richiesta del difensore di fiducia tale autorizzazione è stata prorogata fino alla data di commissione del nuovo reato, il 30 gennaio 2017, tanto che la misura cautelare in atto veniva gravata.