“Sui dehors l’amministrazione di Andria vuole dialogare con tutti nell’interesse di tutti”

“Non vogliamo in alcun modo polemizzare con il Comitato dei Residenti del Centro Storico, ma alcune precisazioni sono dovute in merito alla vicenda dei dehors, che va necessariamente distinta dalle problematiche di decoro urbano, balzate agli onori della cronaca nelle ultime settimane”. Lo dichiarano i consiglieri comunali del Gruppo di Forza Italia di Andria.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“In merito a questa vicenda,” -proseguono- “l’amministrazione comunale ha affrontato la questione nell’interesse di tutti, coinvolgendo in un percorso di confronto costruttivo i soggetti coinvolti. Confronto che, peraltro, è ancora in corso. Senza inciuci e dietrologie, si è agito per il benessere comune, tutelando le esigenze degli stessi residenti che molto spesso sono anche i proprietari dei locali affittati agli esercenti. Non esiste alcun motivo per il quale l’amministrazione dovrebbe preferire alcuni interlocutori a dispetto di altri. E, infatti, non è cosi e i fatti lo dimostrano. È accaduto anche negli incontri pubblici sulla ZTL, dove gli esercenti e i residenti sono stati invitati a parteciparvi senza che, però, piovessero adesioni…Comprendiamo e sosteniamo a pieno le sacrosante esigenze di chi ci vive, ma invitiamo i responsabili del centro storico ad evitare giudizi affrettati su un provvedimento importante, come il nuovo Regolamento dei dehors, che è stato concordato per filo e per segno con la Sovrintendenza“.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Per quanto riguarda il decoro urbano, l’impegno di Forza Italia e dell’intera Amministrazione sarà quello di approvare ogni provvedimento necessario e di stretta competenza comunale per contrastare tutti gli episodi di inciviltà che danneggiano gli spazi pubblici. Occorre” – concludono i Consiglieri Fi- “abbassare i toni ed evitare inutili polemiche di cortile affinché si possano affrontare tutte le questioni che interessano la vita e il decoro del centro storico con scienza e coscienza, per il bene della Città” – concludono i forzisti andriesi.