“Sulla svastica ad Andria la verità è che serve una valida alternativa alla movida sregolata”. Lo dice Fratelli d’Italia

«Il coordinamento cittadino di Andria di Fratelli d’Italia condanna con sdegno il gesto vile e vandalico di qualche sconsiderato, solidarizza con il messaggio forte del Vescovo
diocesano mons. Luigi Mansi, confida nella pronta identificazione dei responsabili e in una sanzione esemplare». In merito al disegno di una svastica sulla facciata del Campanile della Cattedrale di Andria, è netta e decisa la presa di posizione dei Segretari locali del Partito, Salvatore Pistillo e Giuseppe Pistillo:

«Prendiamo doverosamente e convintamente le distanze dal grave episodio, anche in
ragione dell’imminente “Giornata della Memoria”. Vogliamo pensare – aggiungono i
responsabili di FdI – che si tratti di un gesto isolato dettato dal degrado e dall’ignoranza.
Tuttavia, quand’anche fosse davvero così, è innegabile che la nostra città necessiti con
urgenza di mirate politiche sociali e giovanili, di ricreare presidi culturali e ricreativi che
possano diventare valida alternativa alla movida sregolata a cui assistiamo da tempo, di azioni istituzionali che possano aumentare la percezione di sicurezza della cittadinanza,
far crescere una più attenta coscienza ambientale. Dobbiamo fare in modo che le
generazioni più giovani si riscoprano partecipi di una comunità viva, pulsante e proiettata
nel futuro, nella conoscenza che alcuni simboli sono legati a tragedie che sono costate
milioni e milioni di vite umane e che, pertanto, non possono diventare strumento di
goliardia» – concludono da Fratelli d’Italia.