Tra Puglia e Basilicata è all’opera un silenzioso serial killer di cani e gatti, l’appello degli animalisti alle forze dell’ordine

cane-morto-avvelnato-a-banzi1Una vera e propria strage di cani e gatti, quella in atto da alcune settimane nel comune di Banzi a cinquantasette chilometri da Potenza al confine tra Puglia e Lucania. Una vera e propria strage silenziosa che sta accadendo in un comune non lontano da Spinazzola, quindi a pochi chilometri dalla Provincia BAT.

Una strage la cui causa pare sia da avvelenamento con topicida. Diverse le segnalazioni giunte all’ASSOCIAZIONE ITALIANA DIFESA ANIMALI ED AMBIENTE – AIDAA da parte delle volontarie che abitano nella zona. Non è ancora chiaro quanti siano i cani e gatti randagi ammazzati ma si parla di numeri alti. In realtà, anche nella BAT non sono poche le segnalazioni di cani e gatti morti o gravemente danneggiati a causa di topicidi lasciati forse di proposito per far male anche agli amici a quattro zampe.

“Stiamo facendo il censimento della situazione” – fa sapere il presidente di AIDAA, l’Associazione Italiana Difesa Animali ed Ambiente –al momento non siamo in grado di dire se si tratti di un avvelenamento di massa voluto o se di bocconi lasciati magari dai cacciatori nelle prossime ore prenderemo contatto con le autorità locali e cercheremo di andare a fondo a questa orribile situazione”.