Tragedia ferroviaria Andria-Corato, giudice: “Regione Puglia responsabile perché ha concesso a società inaffidabile”. Parente vittima: “primo passo verso verità”

Nella terza udienza del processo svoltosi nell’area bunker del carcere di Trani il gup ha individuato nella Regione Puglia come responsabile civile per aver consentito il protrarsi della concessione ad un soggetto “inaffidabile”. La Regione rischia cosi di dover pagare i danni per una causa alla quale lo stesso ente si era costituito parte civile. A tal proposito, si è espressa Anna Aloysi, Presidente dell’associazione “Anna Aloysi – incidente ferroviario del 12 luglio 2016″ e parente di una delle vittime del disastro ferroviario:

In un post diffuso pubblicamente sui social, la Aloysi si dichiara soddisfatta: “HO SEMPRE LOTTATO PER LA RICERCA DI TUTTI I RESPONSABILI DELLA STRAGE,COMPRESA LA REGIONE PUGLIA, È UN PRIMO PASSO VERSO LA VERITÀ. LA PROSSIMA UDIENZA È STATA FISSATA PER IL 6 GIUGNO 2019 NELL’ AULA BUNKER DEL CARCERE DI TRANI. IO VOGLIO SOLO GIUSTIZIA PER MIA SORELLA MARIA” – ha concluso.