Tragedia ferroviaria di Andria: dopo anni diffuse le registrazioni delle telecamere – video

Sono state diffuse dopo anni dall’incidente alcune immagini dalle registrazioni degli impianti di videosorveglianza locale che quel giorno della tragedia immortalarono per l’ultima volta i pendolari mentre salivano sul convoglio che si sarebbe poi scontrato con un altro treno tra i territori dei comuni di Andria e Corato. Le immagini sono state diffuse dal Tg1 in occasione di un servizio televisivo andato in onda nella giornata di ieri che parlava della decisione della Procura di Trani di chiedere il rinvio a giudizio per 18 persone e per la società Ferrotramviaria nel procedimento sullo scontro del 12 luglio 2016 fra due treni sul tratto AndriaCorato. Nella tragedia rimasero uccise 23 persone e 51 furono i feriti.

Le accuse sono di disastro ferroviario, omicidio colposo, lesioni gravi colpose, omissione dolosa di cautele, violazione delle norme sulla sicurezza sul lavoro e falso. Gli indagati sono il capostazione e il capotreno, i dirigenti e i funzionari di Ferrotramviaria,  il dg del ministero Infrastrutture, Virginio Di Giambattista e la dirigente Elena Molinaro, accusata di non aver preso provvedimenti urgenti per eliminare il sistema del blocco telefonico su quella tratta a binario unico.

In seguito alle indagini è stato accertato che dalla stazione  ferroviaria di Andria fu dato l’ok per la partenza del treno senza aspettare l’incrocio con il treno proveniente da Corato, la cui partenza non era stata comunicata. Nel filmato, gli ultimi istanti prima della partenza di quel tragico 12 luglio 2016. La notizia è giunta in redazione attraverso il nostro sistema di segnalazione mobile (a tal proposito, ricordiamo inoltre che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni, immagini e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui oppure scrivendoci anche all’indirizzo redazione@videoandria.com). Il video: