Trovati i due assassini della canosina 75enne uccisa in casa a colpi di scariche elettriche

Dopo settimane di indagini, la morte della 75enne canosina Maria Melziade potrebbe presto ricevere giustizia: la donna, picchiata selvaggiamente in casa sua da due soggetti che per settimane avevano fatto perdere le loro tracce sarebbe stata uccisa da due indiziati uno di 45 anni e l’altro di 54 anni, entrambi di Canosa di Puglia ed incastrati dall’impianto di videosorveglianza che ha registrato immagini utili alle indagini delle forze dell’ordine.

La donna era in attesa del rientro di suo marito, di ritorno dal parcheggio dell’auto. La coppia era infatti di ritorno da un viaggio. La donna sarebbe stata persino colpita con scariche elettriche. L’anziana donna morì deceduta presso l’ospedale di Andria.

Una paura quella delle rapine in casa con aggressioni, che ha colpito l’intero territorio provinciale. Non a caso anche ad Andria sono state effettuate denunce ed indagini (anche se probabilmente non legate a questo episodio) che hanno scosso l’intera popolazione. Qui sotto un servizio televisivo risalente allo scorso novembre:

Segui tutti gli aggiornamenti, clicca “MI PIACE” sulla Pagina di Video Barletta – Andria – Trani: