Tumori ad Andria, l’appello dell’oncologo Dino Leonetti: “dott. Tufariello, la città è malata. Lei può aiutarci?”

Sono un cittadino andriese e sapere che il Commissario Prefettizio della mia città ha ricevuto un premio nazionale per aver mostrato “una grande sensibilità verso la salute dei cittadini e la tutela dell’ambiente” mi fa sperare molto. Cosa?” – comincia così il messaggio diffuso sui social dal medico oncologo Dino Leonetti (tra i fondatori dell’associazione Onda d’Urto – Uniti contro il cancro Onlus). L’appello è rivolto al Commissario prefettizio di Andria, da poco premiato dal Codacons. L’auspicio del dott. Leonetti è quello di un consolidamento dell’impegno istituzionale da parte del dott. Tufariello:

“Che questa sensibilità si confermi anche per Andria. Da tempo stiamo denunciando la circostanza per cui la nostra sia una città malata, senza alcun controllo serio e continuativo dei fattori di rischio ambientali che provocano malattie evitabili ai residenti, specialmente ai più deboli. Dott. Tufariello, ci hanno preso in giro per anni dicendoci che era tutto sotto controllo, mentre i cittadini si ammalavano. Lei può aiutarci?” – conclude l’oncologo. Proprio in questi giorni, l’associazione Onda d’Urto – Uniti contro il cancro Onlus ha inoltre indetto la prima edizione del Premio in memoria a Teresa Calvano, giovane andriese deceduta a causa di una grave forma di cancro. Molte altre persone risultano malate di cancro in città, segno di una problematica attuale che va assolutamente affrontata sino in fondo.