Un cittadino andriese: “troppi furti e truffe in città. Politici pensino a questo e non alle elezioni”

“Ultimamente in questa città sto notando che si stanno verificando troppi casi di furti di appartamenti, di auto, truffe nei negozi e altri casi che fanno preoccupare la cittadinanza andriese. Stranamente nessuno chiede un tavolo tecnico con tutte le forze dell’ordine ma soprattutto con il prefetto e il questore per aumentare la forza pubblica sul territorio. Chiedo personalmente a tutti i politici andriesi di qualsiasi partito di distaccarsi per qualche giorno dalle elezioni e di concentrarsi sulla questione sicurezza che ultimamente sta mancando in questa città. Spero che queste quattro righe facciano aprire gli occhi a qualcuno perché qui la situazione sta peggiorando giorno dopo giorno” è lo sfogo di un cittadino andrieseNatale Francesco Zagaria, imprenditore agricolo, giunto negli ultimi giorni in redazione.

L’osservazione è stata inviata per iscritto attraverso il nostro sistema di segnalazione mobile (a tal proposito, ricordiamo inoltre che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui). 

Negli ultimi tempi, alcuni hanno subito furti di auto, altri vere e proprie truffe ai danni delle loro attività, il tutto mentre non si contano più i tentativi di furti e i furti andati purtroppo a termine legati all’appropriazione indebita delle olive ai danni dei nostri produttori e quindi dell’indotto economico che regge buona parte del sistema imprenditoriale locale. Un grido di dolore e di aiuto, dunque, quello giunto in redazione.

Nonostante Andria non abbia molti candidati per le elezioni politiche, l’appello è quello di concentrare l’attenzione sulla questione sicurezza. Si è ampiamente discusso della nuova Questura come anche dei tavoli di concertazione tra Prefettura locale e forze dell’ordine, eppure i problemi proseguono e vengono ben percepiti dalla popolazione. L’appello è dunque quello di evitare polemiche inutili e attuare adesso interventi finalizzati alla risoluzione delle problematiche.