Un documentario americano sulla burrata di Andria, il prodotto conquista New York – video

“Un ingrediente chiave nella cucina pugliese è il formaggio, e c’è una grande varietà tra cui scegliere. Un formaggio che si distingue dalla massa è Burrata, un formaggio creato solo circa 50 anni fa. Vediamo come viene realizzata Burrata nella città in cui è stata inventata. Riccardo Olanda ci accompagna nel processo di produzione della Burrata nella produzione di formaggi della sua famiglia nella città di Andria in questo segmento di Enogastronomia pugliese prodotto da The Culinary Institute of America, in associazione con la Regione di Puglia” – lo rendeva noto nel 2011 noto la stessa organizzazione statunitense con un video diffuso su YouTube (che linkiamo qui sotto). 

The Culinary Institute of America ha stabilito lo standard per l’eccellenza nell’educazione culinaria professionale sin dalla sua fondazione nel 1946. Con sedi a New York, in California e in Texas, e una sede aggiuntiva a Singapore offre lauree in studi alimentari, culinarie scienza, gestione del business alimentare e gestione dell’ospitalità; gradi di socio in arti culinarie e arti forno e pasticceria; educazione esecutiva; programmi di certificazione; e corsi per professionisti e appassionati. Inoltre, le  conferenze e i servizi di consulenza hanno reso il centro di ricerca molto noto dell’industria alimentare statunitense.

La Storia della burrata parte nei primi decenni del secolo scorso: durante una forte nevicata, fu impossibile portare il latte in città dalle masserie. Così, per non sprecarlo, fu necessario trasformarlo. In quell’occasione, il casaro andriese Lorenzo Bianchino ebbe l’idea di creare un “sacchetto” di pasta filata in cui racchiudere degli sfilacci fatti della stessa pasta, immersi nella panna che affiorava dal latte (la cosiddetta stracciatella); richiuse il tutto e modellò con cura l’imboccatura donandole la caratteristica forma apicale. Nacque così la prima Burrata di Andria, uno dei più pregiati e particolari prodotti caseari della Puglia.

Da febbraio 2018 è possibile acquistare la burrata di Andria IGP presso i vari punti vendita e nei vari canali di distribuzione con i marchi consortili e nei vari formati foglia, vaschetta e vasetto. Costituito in seguito al riconoscimento della Burrata di Andria come prodotto a marchio d’origine, nasce con lo scopo di Tutelare, Valorizzare Promuovere la Burrata di Andria I.G.P. L’Indicazione Geografica Protetta viene attribuita dall’Unione Europea a quei prodotti agricoli e alimentari per i quali una determinata qualità, la reputazione o un’altra caratteristica dipende dall’origine geografica, e la cui produzione e trasformazione avviene in un’area geografica determinata. Ogni fase del processo produttivo della Burrata di Andria I.G.P. viene monitorato e documentato garantendone sempre la tracciabilità ed il rispetto del disciplinare di produzione.

La segnalazione è giunta in redazione attraverso il nostro sistema di segnalazione mobile (a tal proposito, ricordiamo inoltre che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni, immagini e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui oppure scrivendoci anche all’indirizzo redazione@videoandria.com). Il video diffuso sul web: