Ad Andria ci sono ben 15 contenitori per la raccolta di olio esausto, ecco dove

L’olio esausto non andrebbe gettato nel lavandino ma nemmeno nel WC. E’ invece utile e rispettoso per l’ambiente conferirlo negli appositi contenitori

“Continua “imperterrita” e costante la nostra campagna di sensibilizzazione al corretto smaltimento dell’OLIO VEGETALE ESAUSTO, ossia l’olio derivante da #FRITTURA cibi, #SOTTOLI , #SCATOLAME (ad esempio il tonno), raccogliendolo una volta FREDDO all’interno di BOTTIGLIE e andandolo a svuotare nelle apposite CAMPANE/CONTENITORI presenti in Città, EVITANDO di gettarlo nel WC o LAVANDINO come ALCUNI fanno.
Ricordiamo che ANDRIA, per esempio, presenta ben 15 CONTENITORI in tutta la Città. _ALLEGHIAMO ELENCO IN FOTO_ Ricordiamo che nelle CAMPANE delle Scuole va inserita la BOTTIGLIA nel contenitore. Mentre al Supermercato, all’isola ecologica, in Parrocchia San Riccardo, l’olio va versato dalla bottiglia al contenitore” – lo ricordano dall’associazione ambientalista andriese 3Place che, attraverso un post diffuso su Facebook, ha aggiunto:
 
“PERCHE’ L’OLIO VA SOLO SMALTITO IN APPOSITE STAZIONI DI RACCOLTA? Lo smaltimento non corretto dell’olio vegetale esausto può produrre:
il malfunzionamento degli impianti di depurazione delle acque;
l’inquinamento del suolo;
l’inquinamento freatico, con un impatto sui pozzi di acqua potabile;
l’incremento dei costi globali per l’impianto di depurazione delle ac­que;
 l’inquinamento di fiumi, mari e bacini idrici.
Proprio quest’ultimo effetto nocivo è tra i più aggressivi per l’ambiente: l’olio esausto crea una superficiale pellicola che impedisce l’ossigenazione dell’acqua e compromette l’esistenza di flora e fauna. In più, l’olio esausto ostacola la penetrazione in profondità dei raggi solari danneggiando drasticamente l’ambiente marino e la vita in acqua. Basta infatti un kg di olio vegetale esausto a inquinare una superficie d’acqua di 1.000 m2. CONTINUIAMO A FARE DEL NOSTRO MEGLIO PER IL PIANETA, E A SENSIBILIZZARE GLI ALTRI…SEMPRE! M RACCUMAND. VERSO UN CAMBIAMENTO CULTURALE” – concludono da 3Place. Ecco la tabella che indica le località che ospitano i contenitori per la raccolta di olio esausto ad Andria:
 

Ricordiamo inoltre che è possibile seguire tutti gli aggiornamenti di VideoAndria.com cliccando “Mi Piace” sulla Pagina Facebook.com/videoandriawebtv. Scrivendo un messaggio al numero Whatsapp è possibile inviare segnalazioni, video e foto per la pubblicazione. Inoltre, è possibile iscriversi al gruppo Whatsapp cliccando qui, oppure iscriversi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscriversi al gruppo Facebook cliccando qui. Per l’inserimento di materiale, informazioni, comunicati, richieste di rettifiche e chiarimenti, è possibile anche scriverci via email all’indirizzo redazione@videoandria.com).