Andria: ancora roghi in periferia e la puzza invade le strade “prendeteli, sono dei criminali”

Prosegue l’attività illecita di taluni che, in barba alle norme ambientali, continuano a bruciare illegalmente rifiuti (non è chiaro di che tipo, anche se un’idea i cittadini cominciano a farsela). Nelle ultime tre giornate sono infatti giunte in redazione svariate segnalazioni riguardanti un’insolita “puzza di plastica bruciata” che dalla periferia di Andria giungerebbe sino al centro abitato.

Già nei giorni scorsi avevamo riportato svariate segnalazioni, compreso quelle riguardanti alcuni interventi effettuati dal gruppo di Protezione Civile AIB delle associazioni consorziate “Ambiente e/è Vita Onlus” e &“Nat. Federiciana Verde Onlus” che, attraverso un lavoro coordinato dal prof. Francesco Martiradonna, avevano spento alcuni incendi innescati da roghi con rifiuti ammucchiati all’interno di alcune aree agricole della città. Ed è proprio nella periferia che questi criminali agiscono indisturbati con grande indignazione da parte dei cittadini che giustamente temono per le conseguenze ambientali. Una foto giunta negli ultimi giorni in redazione documenta il prosieguo di queste attività illecite che forse andrebbero analizzate anche mediante droni specializzati delle forze dell’ordine:

La segnalazione è giunta in redazione attraverso il nostro sistema di segnalazione mobile (a tal proposito, ricordiamo inoltre che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni, immagini e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui oppure scrivendoci anche all’indirizzo redazione@videoandria.com).