Andria: bici elettriche sfiorano bimba piccola su Corso Cavour, il padre reagisce “adesso basta”

 

Un episodio che avrebbe potuto concludersi con conseguenze ben più gravi quello segnalato da una nostra concittadina. Stando a quanto riferito al blog di VideoAndria.com, la donna stava transitando a piedi lungo Corso Cavour nella tarda serata di giovedì 26 maggio, quando, alle ore 22.30, ha assitito ad una scena da brividi:

una bimba di circa 6 anni, lontana pochi metri dai genitori e comunque sull’area destinata esclusivamente ai pedoni, è stata sfiorata da un gruppo di biciclette elettriche (note anche con il nome di ebike o “fatbike” quando provviste di copertoni più spessi) guidate da dei giovanissimi i quali, nonostante i divieti, hanno fatto irruzione nell’area pedonale sfiorando la bimba a tutta velocità e senza un minimo di rallentamento per dare modo alla piccola di giungere da mamma e papà. Una tragedia sventata solo grazie alle urla del padre della bambina perchè lo stesso è riuscito a catturare l’attenzione della giovanissima, urlandole di fermarsi immediatamente. Poi, in un lampo, il passaggio delle ebike guidate dai pirati della strada e la piccola, immobilizzata dalla paura, scoppia a piangere. Ma il padre della bambina, non accettando l’episodio, dopo aver recuperato sua figlia, ha deciso di raggiungere il gruppo di giovani:

Ne ha dette di tutti i colori, sottolineando la gravità dell’episodio davanti ad un gruppo di giovani che non ha potuto fare altro che ascoltare in silenzio. Ci sarebbe mancata solo un’aggressione ai danni del padre che fortunatamente, non c’è stata. Si, perché in altri casi, episodi sconcertanti hanno fatto seguito a queste gravi violazioni: in altre circostanze, sono sempre stati soggetti a bordo di ebike ad aggredire verbalmente automobilisti e pedoni nonostante fossero loro ad essere clamorosamente in torto. Capita così di vedere giovani urlare un “guarda la strada!” mentre, sempre contromano e ad alta velocità, sfiorano una donna appiedata o simili “branchi” insultare pesantemente un automobilista perché autori di un incidente sfiorato – anche in quest’ultimo caso provocato dalla guida spericolata su bici elettrica e priva del rispetto di precedenze e sensi unici – prima di dileguarsi facendo perdere le proprie tracce. Negli ultimi giorni, le istituzioni locali hanni ribadito l’intenzione di proseguire i controlli – anche con sazioni quando legalmente possibile – in accordo con le forze dell’ordine e la Motorizzazione Civile. Tuttavia, oltre ai dovuti controlli, ci sembra doveroso fare una profonda riflessione sulla natura di queste azioni deplorevoli:

Perché questi giovani tendono a comportarsi così? Perché ritengono di avere sempre ragione a tal punto di mettere in pericolo la vita di persone innocenti? In che modo e contesto stanno crescendo? I loro genitori sono consapevoli del loro “carattere”? Restano poi, ovviamente, tutte le analisi di circostanza: ovvero che quello menzionato rappresenta un enorme e drammatico problema al quale si assiste spesso e a tutte le ore del giorno. E’ necessario subito provvedere a vietare categoricamente il transito di soggetti motorizzati (perché, di fatto, anche le bici elettriche sono munite di motorini elettrici) adottando misure severe ed efficaci nel tempo. Se tutto cio non dovesse risultare fattibile, allora forse sarebbe meglio ripristinare la zona pedonale a zona traffico veicolare, dove, perlomeno si eviterebbero (forse) possibili incidenti da parte di persone incoscienti e barbare. In quel caso, però, emergerebbero altri problemi legati all’inquinamento: ecco perché, per la convivenza civile i controlli non potranno mai essere sufficienti senza una corretta forma di sensibilizzazione che deve necessariamente partire dai genitori di questi ragazzi.

Riguardo il blog di VideoAndria.com, ricordiamo che è possibile ricevere tutte le news in tempo reale da Telegram iscrivendosi al seguente indirizzo >https://t.me/andriabarlettatrani< da Instagram al seguente indirizzo >instagram.com/andriapuglia< oltre che da Facebook cliccando “mi piace” su >Facebook.com/VideoAndriaWebtv< e da Twitter al seguente indirizzo >twitter.com/videoandria<.  Sempre attraverso Telegram è possibile inviarci segnalazioni in tempo reale anche con video e foto. E’ possibile scriverci anche via Whatsapp per inviarci segnalazioni anche con foto e video cliccando qui ed iscriversi al gruppo per la ricezione dei nostri link cliccando qui. Ricordiamo, inoltre, che è possibile seguire tutti i nostri tweet all’indirizzo https://twitter.com/videoandria. Gli aggiornamenti di VideoAndria.com sono anche su linkedin.com/company/andrianews e su https://vk.com/andrianews.

Ricordiamo che è possibile ricevere tutte le news in tempo reale dall'app gratuita Telegram iscrivendosi al seguente indirizzo: https://t.me/andriabarlettatrani. Sempre attraverso Telegram è possibile inviarci segnalazioni in tempo reale anche con video e foto. Ricordiamo inoltre che cliccando "MI PIACE" sulla Pagina Facebook.com/VideoAndriaWebtv è possibile seguire tutte le news da Facebook. E' possibile scriverci anche via Whatsapp per inviarci segnalazioni anche con foto e video cliccando qui ed iscriversi al gruppo per la ricezione dei nostri link cliccando qui. Ricordiamo, inoltre, che è possibile seguire tutti i nostri tweet all'indirizzo https://twitter.com/videoandria. Gli aggiornamenti di VideoAndria.com sono anche su linkedin.com/company/andrianews e su https://vk.com/andrianews.