Andria: “Buoni dentro”, marchio di qualità per fruttivendoli virtuosi. L’idea di due studentesse dell’Istituto Colasanto

I dati statistici allarmanti riguardanti le problematiche ambientali del territorio andriese e le ricadute sulla salute dei cittadini hanno suscitato vivo interesse negli alunni dell’I.I.S.S. Colasanto di Andria che, mostrando un notevole interesse per questa problematica, si sono adoperati per dare il loro contributo attivo, sotto la guida del prof. Francesco Merra e delle referenti dei progetti “Arte, grafica, fotografia e territorio”, “Educazione Ambientale” ed “Educazione alla Salute all’affettività”. È in quest’ottica che due alunne della 4^B dell’Indirizzo Promozione Commerciale Pubblicitaria, Claudia Nevola e Giorgia Romanelli, hanno ideato il marchio “Buoni dentro”, che ha lo scopo di promuovere i prodotti ortofrutticoli non esposti all’esterno, dove subiscono la contaminazione di agenti inquinanti nocivi per la salute.

Questa idea, che viaggia sulla lunghezza d’onda degli obiettivi adottati dall’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile, ha necessariamente bisogno, per essere realizzata, della collaborazione dei proprietari dei negozi di ortofrutta, che saranno chiamati nei prossimi giorni a dare la propria adesione volontaria all’iniziativa. In tal senso è stata avviata una proficua collaborazione con la Confcommercio di Andria, il cui Presidente, Claudio Sinisi, ha dato piena disponibilità a sensibilizzare i propri associati su questa delicata problematica. La presentazione del marchio è avvenuta mercoledì 20 febbraio nell’Auditorium dell’Istituto G. Colasanto di Andria.

Alla manifestazione sono intervenuti il Dirigente Scolastico, prof. Cosimo Antonino Strazzeri, il grafico Giuseppe Lomuscio, (Presidente dell’Associazione Giorgia Lomuscio Tutto per Amore), l’ing. Claudia Bafunno (membro dell’Associazione Tutt’altro), Tony Tragno (Presidente dell’Associazione Onda d’Urto), l’ing. Riccardo Moschetta (Presidente dell’Associazione ecologista 3 Place), la prof.ssa Porzia Quagliarella (Referente del Progetto Educazione alla salute e all’affettività), la prof.ssa Isabella Morelli (Referente del Progetto Educazione ambientale), la Prof.ssa Paola Nanni (Referente del Progetto Arte, Grafica, Fotografia e Territorio).

Gli studenti e le studentesse presenti hanno ascoltato con grande compostezza gli interventi dei relatori, mostrando di recepire con vivo interesse le problematiche proposte. La speranza è che questa sensibilizzazione delle coscienze, in particolar modo dei giovani, porti ben presto a dei radicali cambiamenti nello stile di vita dei cittadini e nel loro modo di rapportarsi con l’ambiente.