Andria: “così state rubando il futuro ai vostri figli” – il video della vergogna tra gli ulivi (che producono le olive che mangiamo)

“Dite di amare i vostri figli più di ogni altra cosa, eppure gli state rubando il futuro” – questo il messaggio di un cittadino andriese indignato per l’ennesima scoperta in uno spiazzale – forse sempre lo stesso – nella periferia rurale di Andria, praticamente ricoperto di rifiuti. Il tutto avviene a pochissimi metri di distanza da un vasto uliveto. Gli stessi ulivi che poi producono le olive di cui ci nutriamo: olive capaci di produrre un olio extra vergine invidiato in tutto il mondo, dalle capacità antitumorali.

Tuttavia resta da chiedersi: quali le conseguenze sulla salute visto l’ingente quantitativo di rifiuti abbandonato in questa area? Ovviamente non si tratta – purtroppo – dell’unica situazione: anche in Contrada Troianelli (come già ampiamente segnalato da VideoAndria.com) si registrano casi simili. Per non parlare della zona di Castel del Monte. Insomma, a cambiare, prima che la politica, dovrebbero essere i cittadini. Magari gli stessi cittadini che la domenica si vestono molto bene sfilando per le vie del centro e augurando ogni bene ai propri figli, per poi condannarli ad un mondo più sporco e potenzialmente più malsano ogni qual volta che si azzardano a commettere questi crimini ambientali. Auspichiamo ovviamente che i trasgressori possano essere individuati e quanto meno sanzionati per il danno che stanno causando. Tuttavia, a nostro avviso, è anche la mentalità che deve cambiare. Il video diffuso sui social:

La segnalazione è giunta in redazione attraverso il nostro sistema di segnalazione mobile (a tal proposito, ricordiamo inoltre che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni, immagini e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui oppure scrivendoci anche all’indirizzo redazione@videoandria.com).