Andria: gatto morto vicino a Nonno Dolce Sgozzato. Carabinieri sulle tracce dell’assassino. Guardia ecozoofila: “qualcuno sta sterminando cani e gatti”. I volontari colpiti psicologicamente

Nonno Dolce è stato accoltellato. Si esclude dunque l’aggressione animale o incidente. Lo ha constatato la guardia ecozoofila Nicola Montrone giunta nei pressi di via Castel del Monte, li dove ancora oggi giace il corpo senza vita ed orrendamente ferito a morte del povero cane, una creatura mansueta ben conosciuta da chi risiede e lavora nella zona:Nonno Dolce, lo ricordiamo, era uno dei cani che sostavano nei pressi di un noto supermercato. Il titolare dello stesso, unitamente ai volontari, se ne era preso cura. Impossibile da adottare poiché abituato alla vita da strada, Nonno Dolce era seguito e rifocillato da tempo e microchippato a nome del Comune di Andria. Alcune settimane fa, il cane era stato ritrovato ferito. Fabrizio e Michele – rispettivamente padre e figlio sensibili al rispetto della vita – anche contribuendo con proprie risorse economiche per garantire le cure necessarie dell’animale, avevano poi accudito temporaneamente il cane in un rifugio locale. Alla sua liberazione erano presenti gli stessi cittadini, soddisfatti per la buona riuscita dell’iniziativa. Tutto sembrava finito per il meglio, poi la tragedia:

soltanto alcuni giorni successivi, Nonno Dolce ha fatto perdere le sue tracce. La scoperta di Fabrizio: l’animale era stato ucciso nella stessa zona, accoltellato e abbandonato in una pozza di sangue nell’area incolta. Nella giornata di oggi, la guardia ecozoofila Nicola Montrone, su indicazione del volontario, ha individuato la carcassa dell’animale, appurando la presenza di profonde ferite da taglio sulla gola di Nonno Dolce. Al contempo, Montrone ha anche individuato la presenza di rossore nella parte posteriore dell’animale, forse preso a bastonate prima di essere orrendamente sgozzato. Una fine orribile che va assolutamente condannata e punita come prevede la Legge. Nella stessa zona, la guarda ecozoofila ha trovato anche il corpo senza vita di un gatto:

 Sempre in zona, infatti, oltre ad un gruppo di cani randagi, è presente anche una colonia felina. Negli ultimi giorni, i volontari hanno notato un insolito spopolamento. Il timore è che qualcuno si stia macchiando di piu’ reati nel vergognoso tentativo di sterminio di creature innocenti. La domanda sorge spontanea: chi è l’autore di queste uccisioni? Le informazioni utili alle indagini sono state fornite dal Montrone presso la locale caserma dell’Arma dei Carabinieri, dove la guardia ecozoofila ha depositato regolare denuncia. L’auspicio è che anche i media (giornali, tv, siti web di informazione), unitamente alle associazioni ambientaliste possano mantenere alta l’attenzione su questo fenomeno assolutamente da condannare. L’autore di queste uccisioni è ancora a piede libero e va celermente individuato mentre i volontari, che avevano amorevolmente accudito Nonno Dolce, appaiono psicologicamente provati e turbati. Serve una risposta celere dello Stato prima che gli animalisti possano cedere allo sconforto definitivo. 

Ricordiamo inoltre che è possibile seguire tutti gli aggiornamenti cliccando “Mi Piace” sulla Pagina Facebook.com/videoandriawebtv. Scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile inviare segnalazioni, video e foto per la pubblicazione. Inoltre, è possibile iscriversi al gruppo Whatsapp cliccando qui, oppure iscriversi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscriversi al gruppo Facebook cliccando qui. Per l’inserimento di materiale, informazioni, comunicati, richieste di rettifiche e chiarimenti, è possibile anche scriverci via email all’indirizzo redazione@videoandria.com).