Andria: in bicicletta per sensibilizzare sul risparmio energetico, sulla salute in città e in difesa dell’ambiente

Anche quest’anno i Volontari del Circolo Legambiente di Andria hanno celebrato l’iniziativa nazionale di “M’illumino di Meno, stavolta in collaborazione con “i Bicipedi“. L’obiettivo, infatti, è stato quello di promuovere la mobilità sostenibile ed in particolare alla bellezza del camminare e dell’andare in bicicletta.

“Organizzando questo evento vogliamo riportare all’attenzione della cittadinanza la questione della mobilità in una città come la nostra in cui l’auto è padrona delle strade, i mezzi pubblici sono pressoché inutilizzati e la bicicletta appesa al chiodo. Non possiamo continuare a far finta di niente, utilizzare l’automobile anche per piccoli spostamenti, rimanere per ore imbottigliati nel traffico e rendere l’aria irrespirabile non può essere la normalità! Lo dimostrano anche i dati registrati dall’unica centralina presente in città per il monitoraggio della qualità dell’aria, nel mese di gennaio ben quattro sforamenti dei limiti delle PM. Le ricadute sulla salute e sulla vivibilità sono inevitabili, bisognerebbe attuare sin da subito misure drastiche per disincentivare l’utilizzo dei mezzi a motore a favore di mezzi sostenibili!” – fanno sapere i volontari del circolo Legambiente “Thomas Sankara” di Andria. 

Svoltosi nella serata di venerdì 23 febbraio, l’iniziativa ambientalista ha visto un percorso in bicicletta partito da Piazza Bersaglieri (Stazione Bari-Nord) con il simbolico spegnimento dell’illuminazione pubblica della piazza (in accordo con l’amministrazione comunale e a sostegno del risparmio energetico), percorrendo in bicicletta Viale Venezia Giulia, Corso Cavour, attraversando Viale Crispi e Via Regina Margherita a piedi e poi in Piazza Imbriani al buio, lungo Via Bovio raggiungendo infine Piazza Vittorio Emanulele II (Piazza Catuma).
Lungo la strada, i volontari hanno lanciato messaggi sensibilizzativi sulla tematica della mobilità sostenibile e del risparmio energetico, magari qualcuno tra amministratori e cittadini potrebbe trarne spunto. Linkiamo qui sotto un video diffuso sulla Pagina Facebook di “I Bicipedi”: