Andria: l’umido non viene raccolto – il “mistero” dopo la chiusura dell’isola ecologica e le cartelle della tassa rifiuti

Dopo l’arrivo delle cartelle della tassa rifiuti e la chiusura inaspettata dell’isola ecologica, stamane i cittadini andriesi hanno fatto l’ennesima insolita scoperta:

in buona parte della città risulta infatti il mancato ritiro delle buste dei rifiuti organici (umido). Un disservizio per la raccolta differenziata porta a porta, servizio cittadino da anni gestito ad Andria dalla società Sangalli. Ancora poco chiare le cause del mancato ritiro. Per quanto riguarda la chiusura (temporanea?) dell’isola ecologica, si parlava di un presunto problema economico legato al conferimento in discarica. Specifiche segnalazioni ci giungono da:

via Cavallotti, via Spartaco, via Paganini, Piazza I. Sannazzaro e molte altre zone. Difficile immaginare la stessa cosa per la raccolta porta porta visto che, almeno per quanto riguarda l’umido, il materiale dovrebbe finire in strutture per il riutilizzo e non per il conferimento in discarica. Restiamo in attesa di delucidazioni in merito dagli uffici preposti. 

La segnalazione è giunta in redazione attraverso il nostro sistema di segnalazione mobile (a tal proposito, ricordiamo inoltre che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni, immagini e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui oppure scrivendoci anche all’indirizzo redazione@videoandria.com).