Andria: rifiuti abbandonati tra gli ulivi, lo schifo continua ma forse è possibile identificare gli autori – le foto

Il Prof. Francesco MARTIRADONNA (Presidente Provinciale, Responsabile Legale del Nucleo delle G.P.G.V. delle Associazioni consorziate “Ambiente e/è Vita Onlus”, “C.P.A.” e “Nat. Federiciana Verde Onlus”, ha reso noto l’ennesimo scempio ambientale ai danni del territorio della città di Andria. Foto:

Nella giornata del 5 dicembre, Martiradonna ha ricevuto l’ennesima telefonata di notifica di una discarica RSU alle ore 9,30 circa mentre lo stesso si trovava al Comune per uno scambio di idee dei vari servizi per la tutela del territorio, dalla ronda di prestazioni d’opera che si trovava con il latifondista nella Contrada Sant’AGOSTINO. Questo accusa un continuo riversamento di rifiuti lungo il limite della strada e nel fondo agrario, da individui non identificati. Questi individui dovevano porre fuori RSU dalle abitazioni per poi essere raccolti dalla ditta preposta e invece commettono periodicamente illeciti. Una delle foto diffuse dal prof. Martiradonna:

Martiradonna, quando è arrivato sul posto, ha individuato i rifiuti abbandonati, che si trovano lungo il bordo della strada SC 84 Via Vecchia Spinazzola e nel fondo agricolo dell’agricoltore presente. Gli stessi hanno rinvenuto di tutto e di più: rifiuti d’ogni genere e persino diversi capi di biancheria intima, cioè diversi reggiseni di grossa taglia. Un particolare che potrebbe aiutare gli inquirenti per individuare l’identità degli autori di questo atto illegale sanzionabile. Dopo una ampia cernita dei rifiuti, questo per trovare altri eventuali particolari, come involucri di contenitori che si trovano nei supermercati, scontrini, ecc., per individuare le eventuali titolarità, che purtroppo al momento non sono state individuate. “Occorre porre ai punti cruciali delle macchine fotografiche per colpire in flagranza di reato (dall’art. 382 del codice di procedura penale italiano) questi individui”- ha osservato Martiradonna. Per il momento resta questo spettacolo indecoroso e alquanto preoccupante:

La segnalazione è giunta in redazione attraverso il nostro sistema di segnalazione mobile (a tal proposito, ricordiamo inoltre che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni, immagini e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui oppure scrivendoci anche all’indirizzo redazione@videoandria.com).