Andria – salta regolamento Dehors, Confesercenti e Confcommercio: “Consiglio comunale si ricomponga per le imprese”

Confesercenti Prov.le B.A.T. e Confcommercio Prov.le Bari – BAT, nelle persone dei loro direttori provinciali, dott. Landriscina e dott. Carriera, apprendono con sconcerto la notizia della mancata approvazione di atti e provvedimenti regolamentari vitali per l’esercizio delle attività d’impresa commerciali e turistiche quali il regolamento disciplinante l’occupazione di spazi pubblici all’aperto annessi alle attività dei Pubblici esercizi di somministrazione (DEHORS) ed il regolamento sul carico e scarico merci.

E’ da mesi infatti che si attende l’approvazione del regolamento dehors verso il quale Confesercenti e Confcommercio hanno dedicato tempo e profuso competenze professionali specifiche partecipando a numerosi incontri avuti nei mesi scorsi con il Sindaco, l’Assessore ed i funzionari dello Sportello Unico. “Si è comunque fiduciosi che, entro pochi giorni, verrà recuperato da tutti i componenti il Consiglio Comunale il dovuto senso di responsabilità con il quale, ovviando a quanto successo, si possa ritornare in tempi rapidissimi in Consiglio per affrontare ed approvare i due citati provvedimenti” – fanno sapere dalle due associazioni di categoria. 

A rafforzare le dichiarazioni dei colleghi provinciali le dichiarazioni dei Presidenti Comunali di Confcommercio e Confesercenti Andria, rispettivamente Claudio Sinisi e Tommy Leonetti, i quali, nel far proprie le dichiarazioni dei direttori provinciali, esprimono “forte preoccupazione per la mancata approvazione dei provvedimenti citati” ed auspicano che “la frattura creatasi all’interno della maggioranza del Consiglio Comunale possa ricomporsi in tempi brevissimi affinchè si possa riacquisire il naturale senso di responsabilità sin qui dimostrato e indispensabile per dare al settore Commercio e Turismo della Città tutti gli strumenti necessari alle imprese locali per sviluppare le attività d’impresa al passo con i tempi, coerentemente agli sforzi fatti negli ultimi anni per inserire la Città di Andria nei circuiti turistici regionali e nazionali”.

A tal proposito, nello stigmatizzare pesantemente quanto spiacevolmente accaduto, le associazioni invitano l’Amministrazione Comunale a portare con urgenza il progetto di Distretto Urbano del Commercio in Consiglio Comunale (anticipando la richiesta a tutti i Consiglieri Comunali di supportarlo alla unanimità) per approvarlo celermente ed inviarlo subito in Regione per rispondere, pena la perdita di un finanziamento Costitutivo di oltre centomila euro, alla comunicazione di concessione del contributo a seguito dell’esito positivo ricevuto dagli Uffici Regionali per il Progetto presentato dal Comune di Andria attraverso il supporto tecnico di Confcommercio e Confesercenti.