Andria: sequestrati 50 kg di pesce non commestibile venduto da un biscegliese

Il nucleo dell’Annona della Polizia Locale, durante una azione di controllo del territorio, ha sequestrato ben 50 kg di pesce venduto abusivamente in una strada cittadina da un cittadino residente a Bisceglie. E’ avvenuto ad Andria negli ultimi giorni. L’attività del presunto commerciante è risultata totalmente abusiva con ovvie compromissioni igienico-sanitarie oltre all’esercizio sostanziale di una concorrenza sleale nei confronti dei venditori e delle pescherie in regola.

Il pesce sequestrato, purtroppo, è stato gettato perché dichiarato non commestibile in quanto privo di tracciabilità come accertato dalla Asl. “Proseguiremo senza sosta nei controlli che verranno intensificati in questi giorni che precedono le festività natalizie. L’abusivo danneggia chi è onesto e rischia anche di creare danni alla salute di chi acquista prodotti non certificati. Chi crede che Andria sia terra di nessuno si sbaglia di grosso” – rende noto l’assessore Pierpaolo Matera

La segnalazione è giunta in redazione attraverso il nostro sistema di segnalazione mobile (a tal proposito, ricordiamo inoltre che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni, immagini e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui oppure scrivendoci anche all’indirizzo redazione@videoandria.com). Il pesce sequestrato: