Arsenale da guerra in una masseria di Andria: fucili, pistole e bombe a mano in un nascondiglio murato

La Squadra Mobile di Bari ha trovato nascoste in una masseria di Andria un enorme quantità di armi da guerra: 65 fucili mitragliatori d’assalto, tra cui Uzi, kalashnikov, M12, AR15, 33 fucili, tra cui carabine di precisione, 99 pistole, mine anticarro, bombe a mano, circa 300 detonatori e 10 silenziatori per pistole. Tutte le armi sono state sequestrate  dalla Squadra Mobile di Bari, su disposizione della Dda di Lecce. “Potrebbe rappresentare il più importante sequestro di armi mai effettuato nel Paese”, afferma il procuratore Leonardo Leone de Castris.

Nella giornata di ieri era stata diffusa la notizia che l’arsenale era in una masseria delle campagne di Altamura, poi è arrivata la rettifica. Le armi sono state trovate nascoste in una botola murata e sigillata e  sopra appoggiati una cucina e un frigorifero. Si è arrivati a scoprire l’arsenale da guerra  dopo lunghe indagini grazie a intercettazioni ambientali, telefoniche, pedinamenti e ricognizioni fotografiche. Sulle armi sono state avviate perizie per risalire alla provenienza, alla destinazione e all’effettiva titolarità. Il proprietario della masseria è stato portato in Questura per essere interrogato. Maggiori dettagli nel corso della giornata.

Ricordiamo che è possibile ricevere tutte le news in tempo reale dall'app gratuita Telegram iscrivendosi al seguente indirizzo: https://t.me/andriabarlettatrani. Sempre attraverso Telegram è possibile inviarci segnalazioni in tempo reale anche con video e foto. Ricordiamo inoltre che cliccando "MI PIACE" sulla Pagina Facebook.com/VideoAndriaWebtv è possibile seguire tutte le news da Facebook. E' possibile scriverci anche via Whatsapp per inviarci segnalazioni anche con foto e video cliccando qui ed iscriversi al gruppo per la ricezione dei nostri link cliccando qui. Ricordiamo, inoltre, che è possibile seguire tutti i nostri tweet all'indirizzo https://twitter.com/videoandria. Gli aggiornamenti di VideoAndria.com sono anche su linkedin.com/company/andrianews e su https://vk.com/andrianews.