Carlo Cafiero, l’anarchia 170 anni dopo – VIDEO girati a Barletta

carlo-cafieroNacque a Barletta il 1° settembre 1846 da una famiglia avviata nel settore agrario, i Cafiero. Sin da giovane fu aiutato nella carriera diplomatica, che però abbandonò ben presto. A seguito di un incontro a Londra con Karl Marx e Friedrich Engels, Carlo Cafiero si avvicinò prima al marxismo e poi al comunismo anarchico, di cui peraltro divenne uno dei principali esponenti.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Nel 1873, dopo essere stato arrestato, riuscì ad acquistare un terreno in Svizzera, chiamato “La Baronata“, in cui fu costruita un’abitazione che serviva a dare ospitalità ai rivoluzionari di tutta Europa. “La Baronata” divenne la dimora principale, tra gli altri, di Bakunin, legato da una forte amicizia con l’anarchico pugliese (successivamente i rapporti tra i due si ruppero, ma dopo breve tempo l’amicizia si rinsaldò). Durante il suo peregrinare venne arrestato più volte in Italia e in Svizzera, ma la malattia nervosa lo portò al suo internamento in una struttura (1883). Morì a Nocera Inferiore (SA) il 17 luglio 1892. Lo scorso 1° settembre 2016, A 170 anni dalla nascita, movimenti e collettivi autonomi hanno voluto rendere omaggio all’intellettuale barlettano Carlo Cafiero, figura tra le più importanti del movimento anarchico italiano. VIDEO:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Servizio di Amica9tv:

- Prosegue dopo la pubblicità -

Servizio di Tele Dehon:

Se vuoi mantenerti aggiornato, puoi cliccare “MI PIACE” sulla Pagina di Video Barletta-Andria-Trani: