Diocesi di Andria: riapertura delle chiese dal 18 maggio. Vietati gli assembramenti e posti limitati in chiesa. Ecco il decreto del Vescovo Mansi

Con proprio decreto il Vescovo Diocesano, Mons. Luigi Mansi, ha disposto la ripresa delle attività liturgiche nelle Chiese della Diocesi, giusta protocollo della Segreteria della CEI del 7 maggio, a partire da lunedì 18 maggio. Ripresa delle attività liturgiche nelle Chiese della Diocesi, si stabilisce quanto segue:

  • 1.1 L’accesso alle celebrazioni deve svolgersi in modo da evitare ogni assembramento, sia in entrata che in uscita. Vanno quindi definite bene e con chiarezza, oltre che vigilate, le vie di accesso e di uscita dalla Chiesa, rispettando sempre la distanza di sicurezza. Le postazioni sui banchi siano indicate da adesivi posti sulla spalliera o sulla seduta degli stessi.
  • 1.2 All’ingresso dei fedeli ci sia una postazione con la possibilità di procedere alla igienizzazione delle mani. Raggiunto il numero massimo consentito dei fedeli, i volontari per il servizio d’ordine non concederanno ad altri di entrare in Chiesa.
  • 1.3 Si favorisca, per quanto possibile, l’accesso delle persone diversamente abili, prevedendo sempre in chiesa spazi riservati ad essi.
  • 1.4 Si ricordi sempre ai fedeli che non è consentito l’ingresso nel luogo sacro in caso di sintomi influenzali/respiratori o in presenza di temperatura corporea pari o superiori a 37,5° C. o se sono stati in contatto con persone positive a Sars-cov-2 nei giorni precedenti.
  • 1.5 Al termine delle celebrazioni, anche l’uscita dalla Chiesa sia vigilata in modo che sia evitato ogni assembramento.
  • 1.6 Ogni parrocchia affidi il compito di vigilanza a collaboratori laici che abbiano un segno di riconoscimento ben visibile.
  • 1.7 Allegato al presente Decreto si aggiunge l’elenco di tutte le chiese parrocchiali della Diocesi con indicato il numero massimo dei fedeli consentito per ogni celebrazione. Raggiunto il quale non dovranno essere ammessi altri fedeli. Ogni Parrocchia predisponga avviso pubblico da affiggere in chiesa con l’indicazione di tale numero. Per le Parrocchie più popolose si valuti, nel caso, l’opportunità di aggiungere la celebrazione di un’altra santa Messa, in modo da distribuirne le presenze di fedeli ed evitare assembramenti. Eventualmente si valuti anche l’opportunità di monitorare il numero dei partecipanti alle celebrazioni, per distribuire al meglio le presenze.
  • 1.8 Dopo ogni celebrazione si provveda ad accurate operazioni di igienizzazione soprattutto delle postazioni sedute dei banchi e di tutta la suppellettile usata per la celebrazione stessa: ampolline, vasi sacri. Si continui a mantenere vuote le acquasantiere della chiesa. Si abbia inoltre cura di favorire il ricambio dell’aria.
  • 1.9 Per ragioni igienico-sanitarie non ci siano libretti di canti o foglietti.
  • 1.10 Può essere ammessa la presenza di un organista, ma in questa fase si ometta il coro.
  • 1.11 Ogni parroco valuti, a seconda dello spazio disponibile, se è possibile la distribuzione della comunione utilizzando la forma processionale, tenendo salva la distanza tra le persone e favorendo il rientro a posto senza incrociare la fila dell’altro senso. Diversamente sarà il celebrante ed eventualmente il Ministro straordinario a recarsi presso i posti lungo la Chiesa.
  • 1.12 Per la distribuzione della Comunione, il celebrante e i ministri, dopo aver igienizzato le mani, indossino la mascherina e i guanti e abbiano cura di offrire l’ostia senza venire a contatto con le mani dei fedeli. Tra i riti preparatori alla comunione si continui ad omettere lo Scambio del segno di pace.
  • 1.13 Durante le celebrazioni non si raccolgano offerte, ma vengano collocati appositi contenitori in luogo ritenuto idoneo.

2. CELEBRAZIONI ESEQUIALI E SACRAMENTALI:

  • 2.1 Poiché nel periodo di chiusura delle chiese ci sono stati diversi decessi e non si è potuta celebrare la Messa esequiale, i parroci valutino l’opportunità di celebrare le messe esequiali nel pomeriggio, in orari diversi dalla messa parrocchiale e sempre applicando la regola del distanziamento tra i presenti e del numero totale dei partecipanti.
  • 2.2 Dalla data del 18 maggio p.v. le celebrazioni esequiali si svolgano nelle chiese parrocchiali e non più al Cimitero, senza superare la capienza massima consentita in ogni chiesa. Unica eccezione a questa norma, su indicazione delle autorità, è costituita da funerali di pazienti deceduti per il Coronavirus. In questo caso la celebrazione funebre continuerà ad essere fatta in forma sobria al Cimitero.
  • 2.3 Sempre a riguardo delle celebrazioni funebri, considerata l’attuale situazione, non è consentita la sosta in chiesa della salma al di fuori della celebrazione.
  • 2.4 Le celebrazioni battesimali avvengano in modo da non provocare alcun assembramento, per cui si valuti l’opportunità che siano singole e siano compiute eventualmente anche nei giorni feriali, in orari diversi da quelli della celebrazione delle messe con il popolo.
  • 2.5 Se ci sono celebrazioni matrimoniali, si abbia cura di osservare comunque le regole sopra indicate per quanto riguarda il numero dei presenti e le distanze tra gli stessi.
  • 2.6 Il sacramento della Penitenza sia amministrato in luoghi ampi e aerati, osservando il pieno rispetto delle regole del distanziamento e insieme assicurando la riservatezza richiesta dal sacramento stesso. Sacerdote e fedele indossino la mascherina.
  • 2.7 La celebrazione del sacramento della Cresima, in questo tempo, è sospesa.
  • 2.8 I Sacerdoti anziani valutino, considerate le proprie condizioni di salute, la possibilità di tornare a celebrare o concelebrare nelle parrocchie, fatte salve tutte le misure di protezione (mascherine, guanti) e di distanziamento richieste.

3. ADEGUATA COMUNICAZIONE:

  • 3.1 Quanto stabilito dal presente Decreto sia portato a conoscenza di tutti attraverso ogni forma possibile: manifesto, pieghevole in stampa, comunicazioni orali, messaggeria telefonica…
  • 3.2 Nel caso in cui le presenze possibili alle celebrazioni non potranno essere in numero tale da rispondere al desiderio di tutti i richiedenti, si continui a favorire la trasmissione in streaming delle stesse.

4. CELEBRAZIONI ALL’APERTO: Alcuni confratelli hanno prospettato la possibilità della celebrazione all’aperto, avendo spazi disponibili, in modo da favorire la partecipazione di un numero più consistente di fedeli. A riguardo, poiché il protocollo parla di “graduale ripresa” delle celebrazioni liturgiche con il popolo, dispongo, come misura prudenziale, che questo tema delle celebrazioni all’aperto sia rinviato ad una fase successiva, valutando attentamente anche l’evolversi della pandemia. Essendo vietati assembramenti di ogni tipo, tutte le celebrazioni religiose che potrebbero favorire una massiccia partecipazione di popolo vanno momentaneamente sospese fino a diverse indicazioni delle autorità competenti.

  • Capienza massima consentita presso le chiese della diocesi di Andria:
  • Parrocchia S. Giuseppe Artigiano 78
  • Parrocchia S. Andrea Apostolo 140
  • Parrocchia Madonna di Pompei 50
  • Parrocchia S. Paolo Apostolo 134/28 Cappella Feriale
  • Parrocchia SS. Sacramento 148/17 Cappella Feriale
  • Parrocchia Gesù Crocifisso 87
  • Parrocchia SS. Trinità 140/25 Cappella Feriale
  • Chiesa Cattedrale “S. Maria Assunta in cielo” 190
  • Parrocchia S. Maria dei Miracoli 134
  • Parrocchia S. Maria Addolorata alle Croci 57
  • Sala liturgica comunitaria
  • “S. Annibale Maria di Francia” 141
  • Parrocchia S. Francesco d’Assisi 91
  • Parrocchia Maria SS. dell’Altomare 103
  • Parrocchia S. Maria Assunta e S. Isidoro 44
  • Parrocchia SS. Annunziata 100
  • Parrocchia S. Maria Vetere 95
  • Parrocchia S. Nicola di Mira 110
  • Parrocchia S. Riccardo 111
  • Parrocchia Madonna della Grazia 157/33 Cappella Feriale
  • Rettoria SS. Salvatore 80
  • Rettoria S. Maria del Monte Carmelo 84
  • Parrocchia S. Michele Arcangelo e S. Giuseppe 99
  • Parrocchia Cuore Immacolato di Maria 133/15 Cappella Feriale
  • Parrocchia Beata Vergine Immacolata 119
  • Parrocchia S. Luigi a Castel del Monte 95
  • Parrocchia Sacre Stimmate 73
  • Parrocchia Sacro Cuore di Gesù 130
  • Parrocchia S. Agostino 100
  • Chiesa Santa Maria di Porta Santa 90
  • Canosa di Puglia:
  • Parrocchia Concattedrale S. Sabino 166
  • Parrocchia Gesù Giuseppe Maria 77
  • Parrocchia S. Francesco e Biagio 73
  • Parrocchia Maria SS. del Rosario 70
  • Parrocchia S. Giovanni Battista 79
  • Parrocchia S. Antonio di Padova 40
  • Parrocchia Gesù Liberatore 120
  • Parrocchia S. Teresa 62
  • Parrocchia Beata Vergine del Carmelo 40
  • Parrocchia Maria SS. Assunta 46
  • Minervino Murge
  • Parrocchia S. Maria Assunta 119
  • Parrocchia Beata Vergine Immacolata 65
  • Parrocchia Maria SS. Incoronata 98
  • Parrocchia S. Michele Arcangelo 87
  • Parrocchia Madonna del Sabato 56/29 Cripta

Ricordiamo inoltre che è possibile seguire tutti gli aggiornamenti cliccando “Mi Piace” sulla Pagina Facebook.com/videoandriawebtv. Scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile inviare segnalazioni, video e foto per la pubblicazione. Inoltre, è possibile iscriversi al gruppo Whatsapp cliccando qui, oppure iscriversi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscriversi al gruppo Facebook cliccando qui. Per l’inserimento di materiale, informazioni, comunicati, richieste di rettifiche e chiarimenti, è possibile anche scriverci via email all’indirizzo redazione@videoandria.com).