Elezioni, Marmo: “Forza Italia rischia risultati da prefisso telefonico, Berlusconi intervenga”

“Le amministrative in Puglia fanno registrare un dato in controtendenza rispetto all’intero territorio nazionale e vedono il centrodestra sconfitto in grandi realtà e Forza Italia in seria e preoccupante difficoltà. Quello che, però, lascia ancor più sconfortati e amareggiati è il tono e lo stile che stanno caratterizzando le uscite pubbliche di chi ricopre incarichi di responsabilità all’interno di partito. Per il bene di Forza Italia e per il rispetto che dobbiamo ai nostri elettori, non è accettabile che a considerazioni e critiche costruttive si risponda solo e unicamente con attacchi personali che mirano a dileggiare e delegittimare chi si fa portatore di un malessere ormai diffuso in tutta la Puglia. È un dato oggettivo che a livello regionale nel Partito sia mancata una seria e approfondita analisi del risultato delle politiche di marzo e poco, pochissimo è stato fatto per preparare la tornata delle amministrative” – dichiara in un comunicato stampa il consigliere regionale Nino Marmo.

“La verità è che, in assenza di luoghi e momenti di condivisione, ogni richiesta di confronto o di dialogo è stata vissuta come un atto di lesa maestà a cui si è risposto cercando di emarginare o silenziare la protesta interna, non capendo che tutto quello che è stato fatto e detto nasceva dalla voglia di aiutare il partito a cui si appartiene e che ci si onora di rappresentare. Ora, alla luce di questo nuovo risultato negativo, assistiamo in ordine sparso a uscite estemporanee anche di chi da iscritto a Forza Italia ha presentato liste civiche in molti casi in competizione con il partito di appartenenza, o richieste anacronistiche di “pieni poteri” come se fino a oggi non si fosse avuta la possibilità di fare e disfare a piacimento senza alcun confronto”.

“Io mi rifiuto di entrare in quella che ad oggi appare a tutti gli effetti una lotta da pollaio, che getta discredito sul partito e allontana ancora di più i nostri elettori. Il futuro di Forza Italia e della sua capacità di dare rappresentanza alla maggioranza dei pugliesi, è più importante di tutto ed è per questo che ritengo non più rinviabile un chiarimento definitivo. In tal senso rivolgo un appello al Presidente Berlusconi e al Vice Presidente Tajani affinché intervengano il prima possibile: il rischio, altrimenti, è che alla prossima tornata elettorale sia Forza Italia ad ottenere risultati da prefisso telefonico“.