Esplosione al Commissariato di Andria, le dichiarazioni del consigliere regionale Nino Marmo

 

“L’ordigno fatto esplodere al Commissariato di Pubblica Sicurezza di Andria, desta seria preoccupazione vuoi per l’obiettivo sensibile scelto dagli autori dell’attentato dinamitardo, vuoi perché si inserisce nell’alveo di una serie crescente di eventi criminosi con cui la malavita sta cercando di sfiancare molte comunità della nostra Provincia”.

Così il consigliere regionale Nino Marmo ha commentato la notizia di una probabile bomba carta fatta esplodere in via Rossini davanti al locale presidio di P.S., che oltre ai danni materiali avrebbe provocato il ferimento di un addetto alle pulizie e forte allarme tra i residenti a causa del boato riecheggiato in tutto il centro cittadino. “ Davanti a questa recrudescenza di fenomeni criminosi – ha proseguito Marmo – la ricetta per le istituzioni è una sola: sostenere e supportare l’azione delle Forze dell’ Ordine, cui va la doverosa solidarietà per quanto accaduto ed il totale apprezzamento per la dedizione con cui si spendono quotidianamente su un territorio difficile, a fronte di risorse umane e logistiche sempre più grame. In più, è necessario che l’intera comunità locale faccia sentire alto il proprio grido di sdegno e di condanna verso le forze malavitose, per relegarle ai margini del consorzio civile. Siamo sicuri – ha concluso Marmo – che dirigenti e uomini del Commissariato di Andria hanno la professionalità necessaria per indirizzare le indagini ed assicurare alla giustizia gli autori di tale gesto vigliacco”.