In Puglia maxischermi vietati, opposizione: “c’è più rischio negli assembramenti privati, a che serve vaccinarsi se non si può partecipare ad eventi pubblici?”

“Entro in punta di piedi nell’argomento, ma pensare che i maxischermi possano essere causa di diffusione del virus, senza pensare a chi? che in assenza dei maxischermi potrà avvenire, non si rende conto del fatto che gli assembramenti in larghi spazi pubblici controllati non sono pericolosi, sicuramente lo sono meno di quelli in privato. E se si pensa che l’assenza di maxischermi potrà frenare la gioia incontenibile e le manifestazioni susseguenti in caso di vittoria – come ci auguriamo – si è fuori strada. Diverso sarebbe stato invece diramare direttive che obbligassero i sindaci ad organizzare maxischermi con posti a sedere all’aperto, distanziati di un metro l’uno dall’altro e con obbligo al termine della partita di lasciare il proprio posto progressivamente per file di sedie successive partendo dalla prima per finire all’ultima. Se si pensa che i maxischermi possano essere causa di diffusione del Covid, allora dovremmo pensare con ancor più timore alle tante manifestazioni che si stanno tenendo in Puglia in questo week-end” – comincia così la dura presa di posizione del capogruppo regionale di Fratelli d’Italia, Ignazio Zullo, che prosegue:

“Non solo, ma in molti, conoscendomi nella veste di medico igienista, mi chiedono: ma a che serve la vaccinazione se poi non possiamo vivere all’aperto momenti di socializzazione per tifare per l’Italia osservando le precauzioni del caso? Un interrogativo che potrebbe portare, secondo me, ad un aumento della riluttanza al vaccino. Infine, se si potrà assistere alla partita nello stadio di Wembley in maniera controllata in rapporto alle condizioni di sicurezza anti-Covid, perché non è possibile farlo in una piazza cittadina davanti a un maxischermo adottando stesse e previste misure di sicurezza? Del resto, se, come io condivido, anche l’assessore alla Sanità Lopalco afferma che si deve poter tornare a ballare nelle discoteche all’aperto, perché non si potrebbe star seduti a distanza di un metro l’uno dall’altro all’aperto davanti ad un maxischermo? Certo è molto più semplice dire che è inopportuno, ma quell’inopportuno incide su valori umani che solo con la condivisione di momenti di gioia o di delusione possono cementare i sentimenti di fratellanza, cittadinanza e italianità” – ha concluso l’esponente regionale di centrodestra. Riguardo il blog di VideoAndria.com, ricordiamo che è possibile ricevere tutte le news in tempo reale dall’app gratuita Telegram iscrivendosi al seguente indirizzo: https://t.me/andriabarlettatrani. Sempre attraverso Telegram è possibile inviarci segnalazioni in tempo reale anche con video e foto. Ricordiamo inoltre che cliccando “MI PIACE” sulla Pagina Facebook.com/VideoAndriaWebtv è possibile seguire tutte le news da Facebook. E’ possibile scriverci anche via Whatsapp per inviarci segnalazioni anche con foto e video cliccando qui ed iscriversi al gruppo per la ricezione dei nostri link cliccando qui. Ricordiamo, inoltre, che è possibile seguire tutti i nostri tweet all’indirizzo https://twitter.com/videoandria. Gli aggiornamenti di VideoAndria.com sono anche su linkedin.com/company/andrianews e su https://vk.com/andrianews.

Ricordiamo che è possibile ricevere tutte le news in tempo reale dall'app gratuita Telegram iscrivendosi al seguente indirizzo: https://t.me/andriabarlettatrani. Sempre attraverso Telegram è possibile inviarci segnalazioni in tempo reale anche con video e foto. Ricordiamo inoltre che cliccando "MI PIACE" sulla Pagina Facebook.com/VideoAndriaWebtv è possibile seguire tutte le news da Facebook. E' possibile scriverci anche via Whatsapp per inviarci segnalazioni anche con foto e video cliccando qui ed iscriversi al gruppo per la ricezione dei nostri link cliccando qui. Ricordiamo, inoltre, che è possibile seguire tutti i nostri tweet all'indirizzo https://twitter.com/videoandria. Gli aggiornamenti di VideoAndria.com sono anche su linkedin.com/company/andrianews e su https://vk.com/andrianews.