La famiglia dell’artista andriese Michele Ficarazzo dona 10 opere d’arte alla Cattedrale di Canosa di Puglia

Cerimonia di consegna il 30 luglio 2018 al Patrimonio della Cattedrale di San Sabino di Canosa, di dieci opere d’arte da parte della famiglia Ficarazzo di Andria. Si tratta di meravigliosi oli su tela, realizzati da Michele Ficarazzo, artista sospeso tra metafisica ed iperrealismo, purtroppo prematuramente scomparso e di cui abbiamo curato come OmniArte.it il Museo dei Vescovi ben tre sezioni espositive ed una ad Andria tra il 2013 e il 2016. Un pittore genuino e straordinario interprete delle migliori correnti artistiche passate e moderne, dal Rinascimento a Marco Morandi. Le sue opere sono di straordinario valore artistico e comunicativo ed arricchiranno certamente la collezione d’arte che il Museo dei Vescovi mette a disposizione per il suo pubblico” – spiega Sandro Sardella curatore del Museo dei Vescovi di Canosa.

La donazione si è svolta alla presenza della famiglia Ficarazzo presso due delle dieci opere donate. Nella serata è stato reso anche disponibile il catalogo biografico ed artistico di Michele Ficarazzo, realizzato e curato della OmniArte.it.

Nella foto la consegna delle opere in Cattedrale a Canosa. Tra i due genitori Ficarazzo, al centro, Don Felice Bacco.

Ricordiamo che è possibile ricevere tutte le news in tempo reale dall'app gratuita Telegram iscrivendosi al seguente indirizzo: https://t.me/andriabarlettatrani. Sempre attraverso Telegram è possibile inviarci segnalazioni in tempo reale anche con video e foto. Ricordiamo inoltre che cliccando "MI PIACE" sulla Pagina Facebook.com/VideoAndriaWebtv è possibile seguire tutte le news da Facebook. E' possibile scriverci anche via Whatsapp per inviarci segnalazioni anche con foto e video cliccando qui ed iscriversi al gruppo per la ricezione dei nostri link cliccando qui. Ricordiamo, inoltre, che è possibile seguire tutti i nostri tweet all'indirizzo https://twitter.com/videoandria. Gli aggiornamenti di VideoAndria.com sono anche su linkedin.com/company/andrianews e su https://vk.com/andrianews.