Libri di testo ad Andria, “a noi scuole chiesto di anticipare somme che dovrebbe elargire il comune, alunni vittime incolpevoli”

“Siamo consapevoli che il clima nelle scuola andriesi è rovente per il mancato avvio della refezione scolastica e attualmente per la questione delle cedole librarie. In qualità di Presidente della Rete di Scuole C.I.S.A. (Comunità Istituzioni Scolastiche Andriesi), esprimo a chiare lettere la posizione dei Dirigenti Scolastici. Nell’ottica di una costante e collaudata nel tempo collaborazione scuole – Ente Locale, abbiamo accettato la decisione del Comune – subìta e non negoziata – di gestire a livello di singole scuole il fondo comunale per la fornitura dei libri di testo nella primaria, con l’intento dichiarato di accorciare i tempi di consegna e sveltire le procedure” – lo dichiarano in un comunicato stampa LA PRESIDENTE DELLA  RETE DI SCUOLE CISA D.S. Celestina Martinelli e i DIRIGENTI SCOLASTICI Lilla Bruno, Mariagrazia Campione, Rosanna Diviccaro, Dora Guarino, Nicoletta Ruggiero, Grazia Suriano, Carlo Zingarelli.     

“Abbiamo tempestivamente emanato una manifestazione di interesse rivolta ai cartolibrai andriesi. Il meccanismo si è inceppato nel momento in cui tale fondo non è stato costituito presso la scuole o meglio, c’è una determina di impegno di spesa, ma non la disponibilità del fondo stesso. Ci viene chiesto di anticipare come scuole delle somme che non rientrano nelle voci di spesa del bilancio dell’istituzione scolastica: spetta all’Ente Locale garantire il diritto allo studio tramite la gratuità dei libri di testo nelle scuole primarie”.

“Tuttavia rassicuriamo i genitori e i docenti che, entro la fine della settimana, studieremo insieme con il Comitato dei Presidenti dei Consigli di Istituto/Circolo eventuali soluzioni che possano contemperare gli interessi delle parti in causa, a tutela soprattutto degli alunni, vittime incolpevoli di tale incresciosa situazione” – concludono