Migranti, maxi truffa in Puglia: ONLUS produceva falsi contratti di lavoro per permessi di soggiorno, arrestato un cittadino di origini africane nel foggiano

Grave truffa ai danni dello Stato italiano quella scoperta dai militari della Guardia di Finanza che hanno provveduto ad arrestare un uomo a Nord della Puglia:

Stando alle informazioni raccolte dalle Fiamme Gialle, l’arrestato usava una ONLUS che apparentemente promuoveva l’integrazione degli stranieri ma che in realtà nascondeva u businessi basato sulla produzione di falsi contratti di lavoro e locazione di immobili consentendo così a circa 300 cittadini extracomunitari di ottenere il rinnovo o il rilascio del permesso di soggiorno. Il giro d’affari è stato stimato in circa 200mila euro:

A scoprirlo sono stati i militari del comando provinciale della Guardia di finanza di Foggia che hanno arrestato un cittadino camerunese di 46 anni in esecuzione di una ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal gip del Tribunale dauno su richiesta della Procura. Stando a quanto accertato dalle investifazioni, i migranti si rivolgevano al titolare della onlus, con sede a Lucera (Foggia), al quale versavano tra i 400 ed i 800 euro con l’obiettivo finale di ottenere una residenza anagrafica nel nostro paese o un permesso di soggiorno.  Attraverso compiacenti proprietari di immobili, venivano persino effettuati falsi contratti di locazione. In alcuni casi – riportato gli investigatori – era lo stesso titolare dell’associazione no profit a predisporre i falsi contratti di locazione e di lavoro, anche all’insaputa dei diretti interessati (locatori e datori di lavoro), che si vedevano poi ricevere inaspettatamente richieste di pagamenti sia dall’Agenzia delle entrate che dall’Inps:

In totale, le indagini hanno permesso di segnalare alla locale Procura ben 269 persone, di cui 254 dichiaranti contemporaneamente falsi rapporti di lavoro con falsi contratti di locazione. I cittadini extracomunitari che hanno utilizzato documenti falsi saranno segnalati all’Ufficio immigrazione per la revoca dei permessi ottenuti. Il promotore delle attività illecite si sarebbe avvalso anche di soggetti vicini alla criminalità organizzata. Un vero e proprio business ai danni dello Stato italiano.

Riguardo il blog di VideoAndria.com, ricordiamo che è possibile ricevere tutte le news in tempo reale dall’app gratuita Telegram iscrivendosi al seguente indirizzo: https://t.me/andriabarlettatrani. Sempre attraverso Telegram è possibile inviarci segnalazioni in tempo reale anche con video e foto. Ricordiamo inoltre che cliccando “MI PIACE” sulla Pagina Facebook.com/VideoAndriaWebtv è possibile seguire tutte le news da Facebook. E’ possibile scriverci anche via Whatsapp per inviarci segnalazioni anche con foto e video cliccando qui ed iscriversi al gruppo per la ricezione dei nostri link cliccando qui. Ricordiamo, inoltre, che è possibile seguire tutti i nostri tweet all’indirizzo https://twitter.com/videoandria. Gli aggiornamenti di VideoAndria.com sono anche su linkedin.com/company/andrianews e su https://vk.com/andrianews.

Ricordiamo che è possibile ricevere tutte le news in tempo reale dall'app gratuita Telegram iscrivendosi al seguente indirizzo: https://t.me/andriabarlettatrani. Sempre attraverso Telegram è possibile inviarci segnalazioni in tempo reale anche con video e foto. Ricordiamo inoltre che cliccando "MI PIACE" sulla Pagina Facebook.com/VideoAndriaWebtv è possibile seguire tutte le news da Facebook. E' possibile scriverci anche via Whatsapp per inviarci segnalazioni anche con foto e video cliccando qui ed iscriversi al gruppo per la ricezione dei nostri link cliccando qui. Ricordiamo, inoltre, che è possibile seguire tutti i nostri tweet all'indirizzo https://twitter.com/videoandria. Gli aggiornamenti di VideoAndria.com sono anche su linkedin.com/company/andrianews e su https://vk.com/andrianews.