Rifiuti abbandonati ad Andria: ancora un dibattito televisivo da Cucuzza, auspicando ulteriori controlli

rifiuti abbandonati nella periferia andriese

In studio, con Michele Cucuzza sui canali di Telenorba, per la quinta volta, il rappresentante della 4^ Consulta Ambiente della città di andria, signor Savino Montaruli. All’ultimo momento i due consiglieri comunali andriesi di maggioranza, Bruno e Lullo non si presentano in studio ed è lo stesso giornalista e presentatore Cucuzza a raccontare della loro assenza dopo l’espulsione dal loro partito avvenuta proprio pochi minuti prima che la trasmissione andasse in onda. Argomento scottante quindi quello facente parte dell’inchiesta che si sta protraendo da mesi e che vede la città di Andria al centro di una delicatissima questione ambientale ma anche di natura igienico –sanitaria.

Savino Montaruli, quindi, si è trovato a dover rispondere, dopo analisi precise e circostanziate, alle domande pungenti di Cucuzza. Il rappresentante andriese ha anche dato le sue motivazioni a tutto quanto sta accadendo evidenziando altresì soluzioni possibili ed immediatamente praticabili, anche al di la delle sanzioni. Si è parlato di vandalismo, di aumento della tassa rifiuti, di abbandono persistente dei rifiuti e della condizione igienico sanitaria venutasi a determinare ma anche degli effetti di questa drammatica situazione sull’imminente stagione turistica ed in questo caso si parla anche di altre città come quella di Trani che, come Andria se non in alcun casi ancor peggio, sta subendo questo attacco di inciviltà al quale sembra arrendersi. Tematiche scottanti ma affrontate in modo intelligente, propositivo e soprattutto sempre appropriato e mai vano né superfluo né strumentale.

La situazione resta ancora monitorata e la fortunata trasmissione televisiva “Buon pomeriggio” tornerà ad occuparsi ancora dei “caso Andria” che evidentemente non è più solo caso Andria ma sta investendo l’intera cosiddetta Green Bat che tante aspettative aveva creato nella sua popolazione ma che evidentemente vede vanificati sforzi e sprechi di denaro pubblico che hanno prodotto poco o nulla se non il peggio che ci si sarebbe potuti aspettare.

Intanto Andria non è più classifico Comune Riciclone, da molto tempo oramai. Il VIDEO: