Sembra un bombardamento ma è Andria: feste pasquali piene di rifiuti abbandonati – il video diffuso da Sabino Matera

Ci risiamo: nemmeno la parentesi delle festività pasquali sembra riuscita a placare l’ondata di rifiuti abbandonati spesso lasciati persino sotto i nostri preziosi ulivi, anzi, l’evento sembra essersi trasformato in un fenomeno consumistico che inevitabilmente offre ampio spazio ai trasgressori di turno, senza scrupoli e con molti rifiuti da abbandonare per strada. Accade così, che, ancora una volta, l’artista andriese Sabino Matera ha deciso di diffondere un significativo filmato che documenta l’ingente presenza di rifiuti abbandonati nella periferia di Andria. Il video: Luoghi strapieni di rifiuti che sembrano quasi usciti da scene di guerra ma che invece rappresentano ancora oggi quella parte cattiva della città, quella che critichiamo spesso ma che a volte abbiamo difficoltà ad individuare. Il video:

Forse perché, in alcuni casi, chi critica la sua città è lo stesso che poi periodicamente abbandona i suoi rifiuti per strada? Forse non lo sapremo mai, ma auspichiamo che il lavoro delle forze dell’ordine, unitamente alla nuova app per la segnalazione di reati in città e magari, in un futuro non troppo lontano, all’intensificazione di impianti di videosorveglianza e all’utilizzo di droni capaci di individuare i trasgressori anche negli orari notturni, possa finalmente prendere il sopravvento sui criminali che ogni giorno minacciano la salute dell’ambiente in cui viviamo. Un ringraziamento alla Pagina Facebook Sabino Matera Art Director Management per la diffusione di questo importante documento audiovisivo.

La segnalazione è giunta in redazione attraverso il nostro sistema di segnalazione mobile (a tal proposito, ricordiamo inoltre che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni, immagini e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui oppure scrivendoci anche all’indirizzo redazione@videoandria.com).