Sepolta ad Andria una sorella del Re d’Inghilterra, la tomba medievale nei sotterranei della Cattedrale

Tutti sanno che nell’ipogeo della Cattedrale di Andria sono sepolte da secoli due delle mogli di Federico II ma, forse, molte meno persone ricordano l’identità di esse (come anche l’affascinante storia che ruota anche attorno alla loro vita e non soltanto all’imperatore che fece ergere Castel del Monte). Oltre a Jolanda di Brienne (seconda moglie di Federico II), infatti, nei sotterranei dell’attuale chiesa madre di Santa Maria Assunta in Cielo (cui origini risalgono al XI secolo) vi sono anche i resti scheletrici di Isabella d’Inghilterra, figlia del sovrano inglese nonché sorella del suo successore. Questa è la sua storia:

Isabella nacque intorno al 1214 come quarta figlia e seconda figlia di Giovanni, re d’Inghilterra e della sua seconda moglie Isabella di Angoulême. [1] [2] [3] La sua data di nascita esatta è sconosciuta e l’anno è calcolato in base al fatto che Matthew Paris riferì che la principessa si sposò all’età di 21 anni. [4] Quando nacque Isabella, il matrimonio dei suoi genitori aveva già iniziato a disfarsi e la principessa trascorreva la maggior parte del tempo con sua madre. Dopo la morte del re Giovanni nel 1216, Isabella rimase sotto la piena cura della madre e rimase con lei fino al 1220, quando Isabella di Angouleme si risposò e lasciò la corte inglese. [5]

La principessa fu cresciuta fin dalla tenera età dalla “infermiera e governante” Margaret Biset, che riceveva per i suoi servizi dal 1219, per ordine del fratello re Enrico III , un centesimo al giorno [2] ” dalle mani del visconte Hereford “; [6] rimase nella casa di Isabella e l’accompagnò in Germania sedici anni dopo, quando la principessa si sposò. [2] Anche i servizi del resto della servitù della principessa (cuoco, stalliere e altri) furono pagati dal fratello, e per suo ordine, quando alcuni dei servi di Isabella si ritirarono dal suo servizio, fu loro assegnata una generosa pensione. [7] I primi anni della vita di Isabella furono trascorsi nel castello di Gloucester. In seguito, quando finirono i problemi che accompagnarono i primi anni del regno del fratello, fu trasportata a corte, situata prima a Woodstock e poi a Westminster . Di tanto in tanto, la principessa con la sua famiglia visitava altre residenze reali: Winchester , Marlborough , Northampton , York e altre. [6]

Nel giugno 1220 [7] o 1221 la sorella maggiore di Isabella, Giovanna , fu promessa in sposa al re Alessandro II di Scozia e, secondo il contratto di matrimonio, se Giovanna non avesse avuto il tempo di tornare in Inghilterra entro il giorno di Michele (29 settembre), [a ] entro due settimane, il re scozzese avrebbe sposato Isabella. Per due volte nei successivi dieci anni, re Enrico III cercò di sposare sua sorella (probabilmente Isabella [b] ): [2] prima, nel 1225, furono trattative per un matrimonio con re Enrico (VII) di Germania (che dieci anni dopo divenne figliastro di Isabella) [8] [c] e poi al re Luigi IX di Francia .[2]

Una volta che la principessa invecchiava, più amava la privacy. Nel novembre 1229, con il permesso del fratello, partì per il castello di Marlborough, che divenne la sua residenza; in questo momento, la ricostruzione del castello era in fase di completamento e il re Enrico III ordinò all’agente del castello di consentire a sua sorella di scegliere gli alloggi che desiderava. Il rapporto tra fratello e sorella fu molto caloroso e il re visitò più volte Isabella: visitò Marlborough durante la celebrazione del matrimonio della “fanciulla Catherine” che servì Isabella, e visitò anche sua sorella nel 1231 e nel 1232 al castello di Gloucester . Il 13 novembre 1232, il re Enrico III inviò il suo sarto personale da sua sorella per farle un nuovo guardaroba completo. [10]Quell’anno il re celebrò anche il Natale con Isabella; le mandò tre dei migliori piatti della sua tavola e fece molti doni, e poi per diversi mesi le mandò gli oggetti necessari per attrezzare la cappella della principessa. Le provviste per Isabella e i suoi ospiti venivano fornite da “due o tre uomini degni” di Gloucester, mentre vino e selvaggina venivano regolarmente inviati a sua sorella dal re, che forniva anche uno dei suoi fornitori di pesce ad uso di Isabella. Anche il cappellano reale, Warin, che servì Isabella, fu concesso dal re a sua sorella. Nell’estate del 1232 Isabella tornò al castello di Marlborough. [11]

Nel 1234 Isabella lasciò la clausura e si stabilì nella Torre di Londra . [11] In novembre Federico II, imperatore del Sacro Romano Impero, vedovo due volte, in un amichevole incontro a Rieti , ricevette il consiglio di papa Gregorio IX di chiedere la mano di Isabella, e nel febbraio 1235 inviò un’ambasciata al re Enrico III guidata dal suo cancelliere Pietro della Vigna . [2] [12] Il matrimonio di Isabella e dell’imperatore Federico II era finalizzato a rafforzare l’alleanza politica dell’Inghilterra e del Sacro Romano Impero contro la Francia[13] Dopo tre giorni di discussioni, il re Enrico III acconsentì al matrimonio; [2]Isabella fu portata dai suoi alloggi nella Torre al Palazzo di Westminster, [14] dove incontrò gli ambasciatori, che “la dichiararono la più degna delle spose imperiali”, le misero una fede nuziale al dito e la salutarono come loro Imperatrice. [2] [15]

il matrimonio tra Federico II ed Isabella d’Inghilterra in un’illustrazione custodita nella biblioteca di Londra

Il 22 febbraio 1235 fu firmato un accordo, [16] secondo il quale il re Enrico III forniva alla sorella una dote di 30.000 marchi (una somma richiesta dall’imperatore per finanziare le sue guerre nell’Italia settentrionale [17] ), che doveva essere pagato entro due anni, e come regalo di nozze le diede tutti gli utensili necessari, gioielli, cavalli e vestiti ricchi, [2] tutti realizzati secondo l’ultima moda tedesca; [18] inoltre, la principessa ricevette lettere di brevetto dall’imperatore, con le quali Isabella, in quanto Regina di Sicilia e Imperatrice del Sacro Romano Impero, ricevette il possesso delle terre a lei dovute. Il 27 febbraio entrambe le parti hanno firmato il contratto di matrimonio: [16]il matrimonio della principessa inglese con l’imperatore del Sacro Romano Impero fu accolto con entusiasmo sia dal re Enrico III che dalla gente comune, sebbene quest’ultima rimase molto delusa dall’enorme “aiuto” richiestogli in questa occasione: [2] il re dovette riscuotere una tassa impopolare di due marchi d’argento per pelle per permettersi la dote di Isabella. [17]

All’inizio di maggio 1235, l’arcivescovo Enrico I di Colonia e il duca Enrico I di Brabante arrivarono in Inghilterra per portare la sposa nella sua nuova patria; Isabella partì da Londra il 7 maggio sotto la cura e la tutela del vescovo di Exeter , William Briwere . I fratelli della principessa la accompagnarono da Canterbury a Sandwich , da dove Isabella salpò l’11 maggio; quattro giorni dopo sbarcarono ad Anversa . [2] [19]Prima della partenza di Isabella dall’Inghilterra, gli ambasciatori dell’imperatore giurarono al re Enrico III che se l’imperatore fosse morto prima che il matrimonio con la principessa potesse essere completato, lei sarebbe tornata a casa senza ostacoli e in completa sicurezza. [20] Si diceva che lungo la strada i nemici dell’imperatore, alleati del re di Francia, tentassero di rapire Isabella, ma la scorta fornita dall’imperatore Federico II riuscì a proteggere la principessa. Il 22 [21] o il 24 maggio, Isabella giunse a Colonia e soggiornò presso la casa del prevosto di San Gereone, dove la principessa dovette trascorrere sei settimane, mentre l’imperatore era in guerra con il proprio figlio. [2] [22]

Dopo un’attesa di sei settimane, l’imperatore Federico II convocò la sua sposa a Worms , dove ebbe luogo il loro matrimonio ufficiale e Isabella fu incoronata nella cattedrale di Worms dall’arcivescovo Siegfried III di Magonza. [23] I ricercatori non sono d’accordo sulla data di questo doppio evento: Alison Weir e Mary Anne Everett Green la datano il 20 luglio 1235; [1] [22] Kate Norgate, autrice dell’articolo su Isabella nel Dictionary of National Biography , scrive di domenica 15 luglio, [2] mentre James Panton elenca entrambe le date possibili. [3]Le celebrazioni nuziali durarono quattro giorni e, come si suol dire, parteciparono a “quattro re, undici duchi, conti e margravi, trenta o meno prelati e nobili minori”. [2] [24] Il 14 agosto l’imperatore Federico II convocò un’assemblea alla quale furono invitati rappresentanti di tutto l’Impero; incontrarono la nuova imperatrice e le portarono le loro congratulazioni. [25] Isabella (o Elisabetta, come la chiamavano alcuni sudditi del marito) sembra essere stata una donna molto dignitosa e bella. Federico fu felicissimo della sua nuova moglie, ma subito dopo il matrimonio si sbarazzò dell’entourage inglese di Isabella [2] “di entrambi i sessi”, [26]lasciando solo la sua nutrice Margaret Biset e una domestica con lei, e la trasferì in isolamento ad Hagenau , dove la coppia trascorse la maggior parte dell’inverno. [2] In precedenza, l’ambasciata inglese, giunta con Isabella, era partita per la patria; portarono doni al loro re dall’imperatore, tra i quali c’erano tre leopardi viventi, animali raffigurati sullo stemma del re inglese. [26]

Subito dopo le nozze, l’imperatore Federico II fu costretto ad andarsene e lasciare la moglie alle cure del figlio Corrado . All’inizio del 1236 Isabella e suo marito visitarono Ravenna ; parte dell’anno la coppia imperiale trascorse in Italia, dopodiché tornò in Germania. [27] Già sposata, Isabella continuò a mantenere una relazione con il fratello re Enrico III: mantenevano una regolare corrispondenza, nella quale comunicavano con tutto il calore consentito dalla rigida etichetta. [28] Una calda corrispondenza con il re inglese fu condotta dallo stesso imperatore, ma il nome di sua moglie veniva menzionato in queste lettere occasionalmente e solo per questioni politiche. [29]A luglio, l’imperatore Federico II si stava preparando per una campagna militare e fu costretto a lasciare la moglie in Germania per quasi un anno. [30]

Nel giorno di Michele, l’imperatore Federico II tornò in Lombardia, dove convocò sua moglie e dove trascorse l’inverno con lei. [31] Nel settembre 1238 l’imperatore mandò la moglie ad Andria , [32] dove Isabella rimase fino a dicembre, quando l’ arcivescovo di Palermo la scortò di nuovo in Lombardia . [2] [33] All’inizio del 1239 Isabella trascorse qualche tempo a Noventa Padovana mentre suo marito era a Padova ; [33] nel febbraio 1240 tornò nell’Italia meridionale, dove presto giunse l’imperatore. L’imperatore Federico II, a quanto pare, rispettava e amava sua moglie, ma in un modo alquanto strano: [2]avendo cura della sua incolumità e circondandola di lusso e splendore, [32] ma tenendosi a distanza da se stesso [2] e in compagnia del suo “harem”, che comprendeva donne d’Arabia; [34] inoltre, James Panton scrive che all’imperatrice era proibito comunicare con tutti gli uomini, ad eccezione degli eunuchi neri che la circondavano. [35] Il fratello di Isabella, il re Enrico III, si lamentò del fatto che a sua sorella non era mai permesso “indossare la corona” pubblicamente o apparire come imperatrice alle riunioni pubbliche. Nel 1241, quando il suo secondo fratello, Riccardo di Cornovaglia, [36] si recò a far visita a Federico di ritorno dalla Terra Santa , [29]solo “dopo pochi giorni” poté “con il permesso dell’imperatore e di sua spontanea volontà” visitare le stanze della sorella. [36] Federico non permise a Isabella di incontrare il fratello a corte. [37]

Isabella morì di parto a Foggia vicino a Napoli nel 1241. Alison Weir data la morte di Isabella tra l’1 e il 6 dicembre. [1] Mentre Kate Norgate e Mary Anne Everett Green credono che sia morta il 1° dicembre. [38] [39] Federico II al momento della morte della moglie era a Faenza , [38] [40] e le ultime parole di Isabella furono una richiesta al marito di continuare a mantenere rapporti amichevoli con il fratello re Enrico III. [38] [39] Isabella fu sepolta con tutti gli onori [39] nella cattedrale di Andria vicino a Bari accanto alla precedente moglie di Federico, la reginaIsabella II di Gerusalemme . [38] Il suo corpo non è sempre stato sepolto nella cripta:

Un tempo sia le spoglie di Isabella che quelle di Jolanda di Brienne erano esposte in bella mostra all’esterno della cattedrale dove si ergevano due mausolei distrutti in seguito dagli Angioini nemici degli Svevi. Il re Enrico III fu profondamente rattristato e scioccato dalla morte di sua sorella. [41] Ordinò al suo elemosiniere di distribuire, “per l’anima dell’imperatrice, nostra defunta sorella”, oltre £ 200 in elemosine a Oxford e Ospringe ; lo stesso importo è stato distribuito a Londra e Windsor . [42] Matthew Paris si lamentò della morte di Isabella, definendola “la gloria e la speranza dell’Inghilterra”. [38] [40]Le fonti sono in disaccordo riguardo al problema di Isabella, incluso il numero di figli che aveva, i loro nomi e il loro ordine di nascita:

  • Kate Norgate nomina tre figli: Margaret (febbraio 1237 – 1270), Henry (18 febbraio 1238 – 1254) e un bambino morto di parto nel dicembre 1241. [36] Ricercatori successivi menzionarono come primo figlio di Isabella un figlio chiamato Jordanus ( b. 1236), [d] ma Norgate ritiene che le fonti contemporanee di Isabella non lo confermino; inoltre l’imperatore annunciò la nascita di Margherita ai suoi sudditi italiani, da cui ne consegue che era la prima figlia della coppia. [2] Norgate scrive che Enrico, dopo la morte del padre, divenne il re titolare di Gerusalemme e Margherita fu sposata con Alberto II, margravio di Meissen, e divenne uno degli antenati della Casa di Sassonia-Coburgo-Gotha . [38]
  • Alison Weir nomina quattro figli: Jordanus (nato e morto nel 1236), Agnes (nato e morto nel 1237), Henry (re titolare di Gerusalemme; 1238 – 1253) e Margaret (moglie del langravio Alberto II di Turingia; 1241-1270 ). Weir ha scritto della morte di Isabella durante il parto, ma non riferisce cosa è successo al bambino; [1] forse questa bambina era Margaret, e questa convinzione è la più comunemente accettata tra i siti web e le indagini genealogiche.
  • Mary-Anne Everett Green nomina anche quattro figli: Jordanus (nato e morto nel 1236), [27] Agnes (nata e morta nel 1237), [43] Henry (nato il 18 febbraio 1238) [44] e Margaret (nata il 1 dicembre 1241). [39]
  • James Panton scrive del fatto che Isabella abbia dato alla luce quattro o cinque figli, ma non menziona i loro nomi. [35]

Note

  1. ^ Giovanna era stata precedentemente fidanzata con Ugo X di Lusignano , che sua madre avrebbe poi sposato, ed era in Francia .
  2. ^ Entrambe le sorelle della principessa erano già sposate: Joan con il re scozzese ed Eleanor con William Marshal, 2° conte di Pembroke .
  3. ^ Le trattative si conclusero molto rapidamente a causa del fatto che il padre dello sposo designato, l’imperatore Federico II, si espresse contro il matrimonio. [9]
  4. ^ L’imperatore Federico II di Hohenstaufen: Immutator Mundi di Thomas Curtis Van Cleve(Oxford, 1972). Pagina 381: “Certamente ci sono alcune prove che un figlio, Giordano, nacque nell’anno 1236, e morì poco dopo, ma l’unico figlio di Federico II e Isabella d’Inghilterra la cui nascita può essere saldamente stabilita fu un secondo Enrico, nato nel 1238, e prende il nome da suo zio, Enrico III, re d’Inghilterra.” Rif. fornito da Peter Stewart tramite soc.gen.med il 20 gennaio 2008.

Riguardo il blog di VideoAndria.com, ricordiamo che è possibile ricevere tutte le news in tempo reale da Telegram iscrivendosi al seguente indirizzo >https://t.me/andriabarlettatrani< da Instagram al seguente indirizzo >instagram.com/andriapuglia< oltre che da Facebook cliccando “mi piace” su >Facebook.com/VideoAndriaWebtv< e da Twitter al seguente indirizzo >twitter.com/videoandria<.  Sempre attraverso Telegram è possibile inviarci segnalazioni in tempo reale anche con video e foto. E’ possibile scriverci anche via Whatsapp per inviarci segnalazioni anche con foto e video cliccando qui ed iscriversi al gruppo per la ricezione dei nostri link cliccando qui. Ricordiamo, inoltre, che è possibile seguire tutti i nostri tweet all’indirizzo https://twitter.com/videoandria. Gli aggiornamenti di VideoAndria.com sono anche su linkedin.com/company/andrianews e su https://vk.com/andrianews.

#andria #andriesi #casteldelmonte #puglia #altamurgia #murgia #diretta #facebook #twitter #youtube #live #magazine #blog #andrianews #andrianotizie #bat #barletta #trani #barlettanadriatrani #network #cultura #cronaca #politica #minervino #corato #google #googlemaps #meteo #email #web #andriaweb #comunediandria #amministrazione #aggiornamenti #viabilità #denuncia #lavoro #residenti #quartiere #sanvalentino #piazzacatuma #oliodiandria – Andria notizie in diretta live in tempo reale dalla città. Una #città #Viva con #eventi #associazioni #sport #movida #giovani #ricca di #emozioni

Ricordiamo che è possibile ricevere tutte le news in tempo reale dall'app gratuita Telegram iscrivendosi al seguente indirizzo: https://t.me/andriabarlettatrani. Sempre attraverso Telegram è possibile inviarci segnalazioni in tempo reale anche con video e foto. Ricordiamo inoltre che cliccando "MI PIACE" sulla Pagina Facebook.com/VideoAndriaWebtv è possibile seguire tutte le news da Facebook. E' possibile scriverci anche via Whatsapp per inviarci segnalazioni anche con foto e video cliccando qui ed iscriversi al gruppo per la ricezione dei nostri link cliccando qui. Ricordiamo, inoltre, che è possibile seguire tutti i nostri tweet all'indirizzo https://twitter.com/videoandria. Gli aggiornamenti di VideoAndria.com sono anche su linkedin.com/company/andrianews e su https://vk.com/andrianews.