Tregua neve in Puglia ma molti sono ancora i disagi, intervento dell’Esercito in comuni irragiungibili, danni ingenti all’agricoltura

Sembrerebbe che il tempo stia migliorando. La scorsa notte non ha nevicato, però le temperature rimangono abbastanza rigide creando non pochi disagi per la viabilità in quanto sulle strade si formano lastre di ghiaccio. Molte sono ancora le masserie isolate nelle campagne pugliesi ma anche centri abitati come Santeramo dove questa mattina si sta recando il Presidente della Regione Michele Emiliano il quale ha chiesto al Prefetto di Bari di disporre l’intervento dell’Esercito Italiano per liberare la città dalla neve, infatti Santeramo è irraggiungibile e tantissimi sono i problemi che stanno vivendo i cittadini come la mancanza di energia elettrica causata dalla caduta di alberi e la impossibilità degli operai Enel di raggiungere le zone colpite.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Anche  in provincia di Taranto, neve e gelo stanno provocando ingenti danni in campagna. Molte arterie principali e le strade rurali sono tuttora non percorribili dai raccoglitori di latte e dai mezzi che ritirano e consegnano ortaggi e prodotti alimentari.

- Prosegue dopo la pubblicità -

“Al danno diretto provocato da questa straordinaria ondata di freddo siberiano che ha sferzato la nostra provincia – denuncia Alfonso Cavallo, Presidente di Coldiretti Taranto – bruciando gli ortaggi in pieno campo e rovinando agrumeti e vigneti di uva da tavola, piegati sotto il peso della neve e del ghiaccio, si aggiungono ingenti danni indiretti. Molte aziende zootecniche sono tuttora isolate e stanno quotidianamente buttando il latte che non riescono a consegnare ai raccoglitori, impossibilitati a raggiungere i luoghi di ritiro. Ferme anche le consegne di ortaggi sia per i problemi di viabilità che per la mancanza di prodotto bruciato in campo. Per questo Coldiretti Taranto ha chiesto la dichiarazione di stato di calamità naturale per l’intera provincia”.

“Sono attese altre nevicate nelle prossime ore – dice il Direttore di Coldiretti Taranto, Aldo De Sario – quando ancora le arterie principali e le strade rurali risultano tuttora bloccate. Le aziende agricole e zootecniche sono senz’acqua a causa delle tubature ghiacciate, con evidenti difficoltà anche per abbeverare gli animali. La situazione è al collasso e l’Esercito sta intervenendo prioritariamente nei centri urbani, mentre le aree rurali e le strade provinciali 20 e 21 che collegano Laterza con Gioia del Colle, Santeramo in colle e Altamura risultano ancora bloccate. Particolarmente grave la situazione a Laterza, Castellaneta, Ginosa, Mottola, San Basilio e Massafra”.

- Prosegue dopo la pubblicità -

Preoccupati gli agricoltori che inizieranno a breve la conta reale dei danni su agrumeti e vigneti che certamente risentiranno ancora nei prossimi giorni – segnala Coldiretti Taranto – degli effetti negativi delle preannunciate forti gelate notturne.