“Una panchina per Michele” per “educare a pensare”. Nota del dirigente scolastico del Liceo Scientifico “R. Nuzzi” di Andria

Oggi, 4 marzo 2021, ricorre il quarto anniversario della morte del  prof. Michele Palumbo, carissimo e compianto docente di Filosofia e  Storia del Liceo Scientifico “R. Nuzzi” di Andria, coordinatore della  Scuola di Filosofia da un ventennio attiva presso l’Istituto,  collaboratore per anni dei programmi dell’Istituto Italiano per gli Studi  Filosofici di Napoli, rivolti alla formazione dei docenti e dei giovani.  Riflessivo, concreto, lungimirante, ha sempre manifestato un sincero impegno formativo che traspare anche in una delle sue opere  “L’ALFABETO DELLA RAGIONE”, 21 voci dell’alfabeto declinate  riflettendo sulla “necessità dell’Illuminismo”. 

“Lavorare sul fronte della Ragione” significa “educare al  rischiaramento”, consapevoli che gli avversari sono l’ignoranza, il  pregiudizio, il fanatismo e, di contro, il “dubbio” si configura come  compagno della ricerca della verità che, una volta identificata, non è  mai assoluta.  Michele ha assunto quale valore culturale l’impegno, il mettersi in  gioco, in qualsiasi ambito; è stato un professionista che ha scelto di  “prendere parte”, cimentandosi nell’arte di educare, di formare, a tutti i  livelli; ha sperimentato la “scuola del grembiule”, utilizzando semplici  “Attrezzi del mestiere” per realizzare esperienze vive, concrete,  toccanti, profonde: un’idea, le persone (gli studenti, tutti gli studenti del gruppo, nessuno escluso), un luogo (la classe), la parola (il testo), la  scena. 

“Una panchina per Michele”, posata in un’aiuola antistante l’edificio  del Liceo Scientifico “R. Nuzzi” di Andria, non ha solo lo scopo di  “non dimenticare” il collega, il professore, l’amico, ma soprattutto  vuole rappresentare per le nuove generazioni il simbolo della “sosta”,  della riflessione, del porsi domande, della ricerca di risposte  significative.  Una panchina per Michele”, dunque, per “educare a pensare”,  attraverso lo scambio dialettico, il valore del dubbio, utilizzando parole  schiette, incisive, nette.  Educare alla Ragione” perché, come Michele afferma nell’ultima  pagina di quello che definiva “modesto taccuino dell’Illuminismo”, “la  vita merita di essere vissuta con la Ragione, rischiarando il buio e  l’oscurità che, spesso, ci circondano. Sotto forma di ignoranza,  pregiudizi, dogmi, fanatismo e intolleranza”.  La sua ricchezza umana e culturale a memoria ed esempio! 

Ricordiamo che è possibile ricevere tutte le news in tempo reale dall’app gratuita Telegram iscrivendosi al seguente indirizzo: https://t.me/andriabarlettatrani. Sempre attraverso Telegram è possibile inviarci segnalazioni in tempo reale anche con video e foto. Ricordiamo inoltre che cliccando “MI PIACE” sulla Pagina Facebook.com/VideoAndriaWebtv è possibile seguire tutte le news da Facebook. E’ possibile scriverci anche via Whatsapp per inviarci segnalazioni anche con foto e video cliccando qui ed iscriversi al gruppo per la ricezione dei nostri link cliccando qui. Ricordiamo, inoltre, che è possibile seguire tutti i nostri tweet all’indirizzo https://twitter.com/videoandria. Gli aggiornamenti di VideoAndria.com sono anche su linkedin.com/company/andrianews e su https://vk.com/andrianews.

 

 

 

Ricordiamo che è possibile ricevere tutte le news in tempo reale dall'app gratuita Telegram iscrivendosi al seguente indirizzo: https://t.me/andriabarlettatrani. Sempre attraverso Telegram è possibile inviarci segnalazioni in tempo reale anche con video e foto. Ricordiamo inoltre che cliccando "MI PIACE" sulla Pagina Facebook.com/VideoAndriaWebtv è possibile seguire tutte le news da Facebook. E' possibile scriverci anche via Whatsapp per inviarci segnalazioni anche con foto e video cliccando qui ed iscriversi al gruppo per la ricezione dei nostri link cliccando qui. Ricordiamo, inoltre, che è possibile seguire tutti i nostri tweet all'indirizzo https://twitter.com/videoandria. Gli aggiornamenti di VideoAndria.com sono anche su linkedin.com/company/andrianews e su https://vk.com/andrianews.