Villa Comunale di Andria: minorenne incendia un albero per gioco, prof. Martiradonna: “servono più controlli”

Il Prof. Francesco Martiradonna Presidente Provinciale, Responsabile Legale del Nucleo delle G.P.G.V. delle associazioni consorziate “Ambiente e/è Vita Onlus” e “Nat. Federiciana Verde Onlus” nei giorni scorsi ha fatto sapere alla nostra redazione quanto segue:

“Mentre presso la mia sede eri impegnato a spiegare le norme e tecniche di intervento AIB della Protezione Civile, ai ragazzi dell’alternanza del Liceo Scientifico NUZZI di Andria, erano le ore 19:30 quando una ragazza è entrata nella struttura gridando e segnalandoci che qualcuno stava bruciando una Palma Arecaceae appartenente alle Arecales, una famiglia vegetale 2600 Specie”.

“Immediatamente siamo quindi usciti fuori dalla sede con dei secchi pieni d’acqua e abbiamo spento le fiamme sulla pianta. Lo scrivente ha quindi indagato sul caso individuando il responsabile dell’incendio in un ragazzo minorenne, F. Z., il quale si è poi giustificato affermando chenon poteva immaginare che una volta accostato la fiamma dell’accendino questa si sarebbe propagata immediatamente” “. 

“Mentre stavamo spegnendo l’incendio, è quindi arrivato il Comandante della stazione dei Carabinieri, luogotenente Andrea Aiello che ha ricevuto dallo scrivente l’accendino e ha accompagnato il ragazzo F.Z. in Caserma dove sono stati contattati i genitori per contestare l’operato vandalico del figlio. L’altro ieri abbiamo rinvenuto nella villa un piccolo Abete sradicato che è servito per far giocare un cane. Nella villa occorre un controllo assiduo se non si vuole un continuo depauperamento delle piante che si trovano nella villa comunale”. FOTO: