Andria: ancora puzza di bruciato in città. Chi sta bruciando cosa?

Un odore nauseabondo almeno dalla serata di ieri. E’ quanto constatato da numerosi cittadini andriesi ed in parte segnalato anche attraverso il nostro sistema di segnalazione mobile. Lo abbiamo sentito anche noi: un odore di bruciato, forse plastica o altri materiali (tessuti?) distintamente percepibile sia in buona parte del centro cittadino che nella zona di via Barletta.

Chi sta bruciando cosa? Vorremmo saperlo anche perché di certo queste inalazioni bene non ci fanno, dunque sarebbe opportuno un’intensificazione dei controlli, magari, come già precedentemente suggerito dalla redazione, anche attraverso l’ausilio di droni capaci di individuare tempestivamente gli autori di questi gravi reati ambientali che come minimo andrebbero sottoposti a pesanti sanzioni. Sembra che in alcuni casi gli autori di questi misteriosi roghi preferiscano agire nelle ore serali, evidentemente con l’intenzione di bruciare rifiuti indisturbati. Lo scorso 12 settembre avevamo riportato la segnalazione di un cittadino attraverso un articolo. Un drone con visione notturna avrebbe probabilmente individuato sia la zona che gli autori, immortalandoli con la giusta attrezzatura di registrazione visiva. Restiamo a disposizione sia nei confronti dell’amministrazione che delle forze dell’ordine (oltre ai cittadini che spesso ci inviano segnalazioni). 

La segnalazione è giunta in redazione attraverso il nostro sistema di segnalazione mobile (a tal proposito, ricordiamo inoltre che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni, immagini e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui oppure scrivendoci anche all’indirizzo redazione@videoandria.com).