Andria: muoiono altri alberi in città mentre la salute del territorio è in discussione. Perché? Le foto che fanno discutere

Le foto giungono da via Bisceglie nei pressi dell’ITC “Carafa” di Andria: alcuni grossi alberi sono di fatto morti. Nonostante il brutale abbattimento, non si tratterebbe di una morte naturale causata dal maltempo delle ultime ore ma piuttosto di operazioni artificiali che andrebbero approfondite. Alberi ammalati o fastidiosi?

Una cosa è certa: in un periodo storico in cui lo smog delle auto sta causando gravi ripercussioni sulla salute del territorio (e dunque anche delle persone) quei pochi alberi rimasti in città – salvo in casi disperati ed irreversibili – dovrebbero essere sempre tutelati se non aiutati a moltiplicarsi vista la mancanza (a parte della villa comunale e dei parchi sparsi nelle varie zone) di una vera grande cultura del rispetto degli alberi, soprattutto nel centro cittadino (ma non solo). Apprezzabili sono gli eventi dei rimpianti di nuovi alberi in città – come quello svoltosi circa una settimana fa – tuttavia l’impressione è che manchi ancora una presa di coscienza collettiva a livello ambientale. Tanto quanto basta per non far passare inosservato un episodio simile: la morte di un albero in città dovrebbe essere equiparata alla morte di una persona perché importantissimo per le nostre vite. Qualora dovessero esserci responsabili pronti ad effettuare precisazioni in merito provvederemo a pubblicare la “replica” (sempre che questa possa aiutarci a comprendere meglio cosa sia venuto nelle ultime ore in quel di via Bisceglie).

La segnalazione è giunta in redazione attraverso il nostro sistema di segnalazione mobile (a tal proposito, ricordiamo inoltre che scrivendo un messaggio al numero 353 3187906 è possibile effettuare segnalazioni, immagini e partecipare al gruppo Whatsapp per seguire tutte le news in tempo reale oppure iscrivendosi al gruppo Telegram cliccando qui o anche iscrivendosi al gruppo Facebook cliccando qui oppure scrivendoci anche all’indirizzo redazione@videoandria.com). Per il momento vogliamo lasciarvi con questo secondo scatto fotografico: